Un duo è Per sempre, nuova fatiche per IO e LA TIGRE

Un duo è Per sempre, nuova fatiche per IO e LA TIGRE

Autori: IO e LA TIGRE
Album: Per sempre
Etichetta: Garrincha Dischi
Ufficio Stampa: Sbam ufficio stampa

IO e LA TIGRE, ossia Aurora e Barbara, melodic pop rock che ama Perturbazione e Camillas e che ci aiuta a superare le paure e le nostre disavventure. Per Garrincha Dischi producono Per Sempre. Uscito il 30 giugno, è un album di quattro tracce zuccherato e reale, mescolato con tensioni personali e voglia di far bene.

Per Sempre è una promessa ma è anche una presa di coscienza. Di ciò che ci ha segnate indelebilmente e di ciò che vorremmo non dimenticare mai. Per sempre è il momento in cui abbiamo compreso come siamo arrivate fino a qui: attraverso caverne di dolore e improvvisi spiragli di gioia, che ci hanno catapultate in una nuova dimensione. Per sempre sono le striature della tigre sulla nostra pelle, a ricordarci chi siamo e soprattutto la forza che abbiamo dentro di noi e che nessuno potrà mai strapparci.

Lo descrivono così le due ragazze il loro ultimo lavoro, suonato con la batteria melodica e gli accenni di cembalo e anche pianoforte. IO e LA TIGRE son un duo che tifa per un immaginario musicale illustrato, ben identificato tra le note cantate in italiano e lasciate sbiancarsi come una favola moderna di pop giovane e accattivante. Le illustrazioni e la grafica di Marmellata Incendiaria le aiuta a scandire le architetture delle nuove tracce, partite dalla collaborazione con Slap che costruisce un pezzo quasi rap, grazie alle rime che vengono poste dopo la malinconia poppeggiante messa in piedi dalle nostre cantanti. Non durerà, ripetono le due IO e LA TIGRE, mentre Slap tiene viva la fiamma con un piglio alla Assalti frontali che scuote il pensiero finale, quel non finirà che da forza al tutto. Tu per me è invece un pezzo coccolato dai super poteri di una batteria che ricorda l’amico Appino, per una sentimental song diretta e animata da un ritornello trendy.
Bianconiglio rimette poi in piedi la graphic novel del duo italiano, con un sixties groviglio di ricordi d’infanzia letteraria al servizio dell’ascoltatore. Per sempre finisce quindi con L’indifferenza, dove riecheggiano le paure di abbandono e si canta con malinconia in un mondo di chitarra e voce, per un suono che ricorda Le Pinne, altro duo femminile ora in pista. IO e LA TIGRE, terminano così il loro nuovo album, graffiando ancora, quando vogliono, e soprattutto, come vogliono.
Andrea Alesse

 

Previous Dinosaur Jr al Carroponte, una festa rock a cui dovevi essere invitato
Next Partenza col botto per Moon&Stars con la festa di Macklemore & Ryan Lewis

You might also like

RECENSIONI

La chiamata di Girless, tra personalità e racconto

Autore: Girless Album: I have a call Etichette: Stop Records, To Lose La Track Stampa: Doppio Clic Promotion Il rapporto con la morte e il suo ricordo, intramontabile per alcune

RECENSIONI

Indie italiano che passione episodio 5: Angelo Sicurella e Be a bear

Due lavori nascosti di due autori girano ora in solitudine, con contenuti interessanti e poliedrici. Autore: Angelo Sicurella Album: Orfani per desiderio vol. 3 Etichetta: Urtovox Ufficio stampa: Unomundo Volume

RECENSIONI

Strueia, di spleen, chitarre e boschi fatti di camminate malinconiche

Autore: Strueia Album: La chitarra, il bosco lo spleen Etichette: MiaCameretta Records/Noia Dischi Srueia è una creatura musicale distante e intima allo stesso tempo. Un cantautore verace che è attento