Non un semplice little boy, Bambino è il nuovo album dei Superfood

Non un semplice little boy, Bambino è il nuovo album dei Superfood

Non avevamo né soldi né label, e avevamo pensato di mollare.

Fortunatamente, così non è stato e i Superfood hanno dato alla luce Bambino, un nuovo album dalle ritmiche contagiose e dalla melodia produttiva. I figli funkeggianti della british Birmingham sono dunque tornati, come un fiume che risale dal mare verso le montagne fatte di sample accattivanti e sintetismi spesso tropicali. Dom Ganderton e Ryan Malcolm, ovvero i Superfood in carne e ossa, arrivano così al dunque dando un titolo curioso ad un lavoro altrettanto bizzarro e tremendamente giovanile.

È il potere di sentirsi giovani e di dare un senso alla fresca unione di una clash culture con bass sound e jungle culture, sempre condito da melodici voci alla Of Montreal, fortemente richiamati nella splendida Unstoppable. Un duo che non si può fermare ha bisogno di un attacco subito deciso, ed ecco allora Where’s the bass Amp farci tornare in mente i giochi di voce e i salti al gioco della campana musicale che Go Team! e company un tempo portavano avanti con gioia e vigore.

Dietro le facce giovani dei Superfood, comunque, troviamo anche una forma atletica indie –pop, evocata con effetti poliedrici in Natural Supersoul e trasportata verso la spiaggia dorata delle vibrazioni gentili.
Need a little spider mescola un groviglio di piacevolezze e amorevoli creature pop, con movimenti del bacino obbligati ad ogni cambio di passo.

Bambino è allora sempre più una creatura giovane e dinamica, che tra le attese di Raindance ( le CSS che incontrano l’indie pop) e passaggi ambient (Cis For Colour e Lov) fa bene il suo dovere con elettrorockers al seguito (Shadow e i dimenticati Hard fi non sono proprio lontani).

Prima della nostalgia di Witness, non bisogna perdersi il campionamento sexy di Double Dutch, bell’esempio della creatività aggraziata e tagliata col coltello da burro tra movida mentale dei de Superfood.

Andrea Alesse
recensioni@thefrontrow.it

Previous L'Aura: domani nei negozi Il Contrario Dell'Amore, il nuovo album
Next Cannibal Corpse in Italia per presentare Red Before Black

You might also like

ALBUM

Piccole poesie a luce spenta: El Matador Alegre e Dreamland

Autore: El Matador Alegre Album: Dreamland Etichetta: Cabezon Records   El Matador Alegre è Giuseppe Vallenari, produttore di nove tracce che sanno di un percorso ben preciso nella sua testa

ALBUM

Indie italiano e passione: Episodio 1. Due recensioni in un sol colpo: Crono e Il Diluvio

Anno nuovo, rubrica nuoa nell’ambito delle recensioni. Inauguriamo così Indie italiano che passione, piccolo manuale delle novità e delle nuove uscite in cui concentrare due o più recensioni. Passione tricolore

ALBUM

TanIka Charles, regina soul al vostro servizio

Autrice: Tanika Charles Album: Soul Run Etichetta: Record Kicks Un breakup album, per affettare la tristezza e gioire dopo aver premuto il bottone reset. Tanika Charles è pronta a manifestarsi