Pietro Berselli e il suo Orfeo: suoni d’inquietudine e cantautori

Pietro Berselli e il suo Orfeo: suoni d’inquietudine e cantautori

Autore: Pietro Berselli
Album: Orfeo l’ha fatto apposta
Label: Dischi sotterranei
Booking: ja la

Orfeo l’ha fatto apposta, e Pietro Berselli anche. Trovare ispirazione in un fallimento, crudo e definitivo, come dopo essersi voltato colpevolmente e aver provocato la scomparsa della propria amata. Un mito greco riletto dalla modernità e fatto proprio da un cantautore giovane e dalla sua band, per impersonificare un poeta che cerca nel masochismo dell’allontanamento la nuova vena creativa.

Quando parliamo di Berselli dobbiamo subito coglierne la vena colta e irrequieta, trasportata in undici tracce di cantautorato post rock amante della composizione al dettaglio dei testi e della sua rappresentazione scenica.
Bresciano trapiantato a Padova, il cantante Berselli esce sul selciato dopo il primo EP dal titolo Debole, prodotto in solitaria e antipasto di un concentrato di figure e metabolismi messi in musica, in attesa di una rinascita.
Premi play e Orfeo l’ha fatto apposta si apre con NIobe, canzone che ama la mitologia della donna fatta pietra dal dolore, ma che trasuda virulenti spasmi atmosferici e atteggiamento da giovane Benvegnù. Mentre NIobe continua a piangere, Berselli incanta con la capacità di tenere la voce ad un ritmo deciso e metafisico. Nulla a che vedere con lo spoken Word di Diluire, altra composizione coi fiocchi in cui la solitudine scatena tensioni e aspettative infelici. Mirabolante la presa di posizione finale
prima della catarsi di suoni. Debole (senza regole) continua a dettare lirismo e sottofondi alla Mogwai, rintracciabili negli
effetti percussivi e nel torpore sognante che vede proprio i Mogwai come interpreti di un vero e unico profilo musicale, mai realmente emulato.

Berselli dimostra però anche di apprezzare vive torsioni poetiche condite da riff nostalgici (Brindisi e il suo 1978). A tratti la sua voce è quella di un Manzan figlio di una Bologna meno violenta, ma con la tensione che comunque assume anche contorni sinistri di puro racconto e atmosfera da messa di Bobby Previte (ascoltate in tal caso la canzone intitolata In diretta).
Un lavoro compatto, questo Orfeo l’ha fatto apposta, in cui sono molto interessanti i brani strumentali, su tutti la tetra e politica Mediterraneo di notte e l’elettronico Leggero alla Boards of Canada. Berselli non scherza, dunque, e regala con questo primo vero disco attimi di pura spiritualità in musica, convinto che tanto la maschera da Orfeo non gliela toglierà nessuno.

Testo a cura di Andrea Alesse

You might also like

RECENSIONI

Tartage e i suoi fantasmi electro: My personal thoughts

Autore: Tartage Album: My personal thoughts Label: Qanat records booking: UnoMondo Un album sulle difficoltà e sulle sue interpretazioni,che rilegge distanze e incompatibilità in chiave elettronica. Tartage è Lucio Giacalone,

ALBUM

Ufomammut, prove tecniche di immortalità con 8

Ufomammut 8 Neurot UFO sta per U(nidentified) F(lying) O(bject) , mentre MAMMUT per italian for mammoth. In arte, gli UFOMAMMUT, trio che spaccia sonorità doom metal imponendo all’ascoltatore di leccarsi

ALBUM

Giorgio Poi apre il suo immaginario privato. E’ uscito Fa Niente

Autore: Giorgio Poi Album: Fa niente Etichetta: Bomba Dischi Ho trascorso in Italia tutta la prima parte della mia vita, fino ai vent’anni, e non m’è mai interessato capirla. Vista