Il cuore rock degli Hope You’re Fine Blondie risuona con Quasi

Il cuore rock degli Hope You’re Fine Blondie risuona con Quasi

Autori: Hope You’re Fine Blondie
Album: Quasi
Etichette: Dischi Bervisti, Dischi Soviet Studio, Sisma

Hope You’re Fine Blondie, trio rock. Descrizione cruda ma reale di chi si diverte a comporre musiche mai obsolete, con attitudine e voglia di far suonare la distorsione. Producono Quasi, composizioni sentite in prima persona in un metabolizzarsi dell’impostazione fratricida dell’umano essere. Una metà, un quasi per l’appunto; suonato con testi in italiano e accordi di puro rock con derive a tratti stoner. 10 pezzi tirati con attenzione alla composizione derivante dalla propria viscerale esperienza, già al terzo disco e supportata da una scena trevigiana che si riunisce in SISMA, un collettivo di musicisti, promoters e feticisti di musica che cooperano per promuovere la ricerca e l’indipendenza artistica mantenendo salde le radici nella città di Treviso.
Gli Hope You’re Fine Blondie suonano quindi crudi e chiari sin dalle poche parole sputate fuori in Irene, con voce roca e manifesto di un incontro voluto tra sentimenti rock e amorosi. Un unione che diviene forte e presente in La tua collera, dove linee di piano sostituiscono le distorsioni per rendere le melodie ancora più dense di risultato. Uno die pezzi più riusciti è Agave, incontro con mito e poesia ed esaltazione rock che corre sui binari di Nick Olivieri.
Ne Il Verme si sentono probabili amori per il suono metallico, con poche elucubrazioni e sostanza persa in un groove assordante. La copertina con l’uomo con la pistola si manifesta in I Matti non invecchiano, strumentale giro di riff che fa muovere le chiappe in un acid rock dove risuonano le forze del basso, collante naturale del power trio. La presa acustica conquista Cara Mia lei (oltre che la finale Nel grembo), con schitarrate semplici risuonate ad alto volume in un addio celebrato sotto suoni tristi e diretti.
Paolo Forte, Nicola Gubernale e Luca Ramon (questi in sintesi gli Hope You’re Fine Blondie) amano anche attaccare qualche back vocals in Grand Guignol, sporco brano che non esce incolume da un tritarifiuti blues rock mischiato alle tendenze siucide di ritornello alla Picturebooks.
Se cercate gente che si consuma in sala prove e amate suoni diretti gli Hope You’re Fine Blondie sono lì ad aspettarvi.

Testo a cura di Andrea Alesse

Previous Home Festival 2017: anche Liam Gallagher nella line up
Next Steal Shit Do Drugs, garanzia garage rock al vostro servizio

You might also like

RECENSIONI

Arto Lindsay, nuovi suoni d’avanguardia e ottimo sapore

Autore: Arto Lindsay Album: Cuidado Madame Etichetta: Ponderosa Music & Art Ufficio Stampa: A Buzz Supreme Cuidado Madame sta letteralmente per Attenzione signora. Un grido di allarme e avanguardia musicale

RECENSIONI

Manitoba fuori con Divorami, beata eleganza rock e oltre

Autori: Manitoba Album: Divorami Label: Sugar Filippo Santini e Giorgia Rossi Monti sono i Manitoba, duo in arrivo dalla Toscana che ha scelto la via del garage pop rock cantato

ALBUM

Suicide Silence, la recensione del nuovo omonimo disco

Il nuovo disco omonimo dei Suicide Silence, ha cominciato a far parlare male di se, sin prima della pubblicazione stessa.  Il disco, che uscirà per Nuclear Blast il prossimo 24