intervista a DARIN

Partito dalla Svezia per conquistare l’Europa, DARIN è l’artista maschile con più Top 40 all’attivo della musica svedese, numerose vittorie ai Grammy svedesi, 33 dischi d’oro e di platino, 8 album al n.1, un tour di 10 date sold out nei principali palazzetti svedesi chiuso con lo straordinario concerto alla Avici Arena di Stoccolma lo scorso dicembre.

Nel 2022, in Italia, è stato l’artista internazionale più trasmesso con il singolo “Can’t stay away” e l’artista indipendente più suonato dalle nostre emittenti con il brano “Superstar”, un anno consecutivo nella classifica Earone.
Lancia ora il nuovo singolo “Electric”, un gioiellino synth-pop ricco di melodie brillanti e ritornello accattivante, che incapsulano gioia e euforia.
“Non stavo cercando niente qui stasera / Sono venuto solo per la musica e le luci / Non sapevo di averne bisogno di più / Poi sei entrato e mi hai colto di sorpresa…”
Così Darin racconta la nascita del brano:
Per me Electric è un ricordo. Quello di una notte molto speciale a Palma, a Maiorca. Una notte di alti e bassi: il mio migliore amico Lewis mi aveva appena detto che avrebbe lasciato Maiorca per l’Italia e uscendo per celebrare questa sua notizia, anche se per me molto triste, nel locale dove eravamo andati ho incontrato per la prima volta l’amore della mia vita. È stata una sensazione pazzesca e intensa che non mi aspettavo e per la quale non ero preparato! Sicuramente una notte da ricordare, molto elettrica!

BIO
Nato e cresciuto a Stoccolma, Darin è cresciuto idolatrando icone pop come Madonna, Michael Jackson e Whitney Houston. Il suo sogno è sempre stato quello di diventare un cantautore, così ha iniziato a registrare musica – e a parlare con le etichette discografiche – quando aveva solo 14 anni.
Due anni dopo, è entrato nella prima stagione di Swedish Idol nel tentativo di accelerare il processo. Arrivato al secondo posto, Darin ha regolarmente firmato un contratto discografico con la Sony BMG. Il suo singolo di debutto del 2005 “Money for Nothing”, un giocoso bop di auto-empowerment scritto da Robyn, è balzato al numero uno.

Da allora, Darin non si è mai guardato indietro. Ha collezionato otto album numero uno in Svezia e ha ottenuto grandi successi con qualsiasi cosa, dalle ballate folk autoprodotte (“En säng av rosor, Ta mig tillbaka”) a una impennata cover di Viva La Vida dei Coldplay.

Per Darin, il coming out pubblico nell’agosto 2020 ha dato il via a un periodo di crescita personale che lo ha portato a sentirsi più a suo agio e fiducioso che mai. “Sono diventato ancora più me stesso, quasi come quando sei un bambino e non pensi troppo alle cose,” dice. “È come…wow, forse è da un po’ che non sono questo tipo di persona super libera.”
Sentendosi più libero dal punto di vista creativo, entra ora nella sua nuova era con “Electric” e con altra nuova musica all’orizzonte.

 

Ecco l’intervista che ci ha rilasciato:

 

ITA VERSION:

chi ti ha esposto per primo al canto?

Tutta la mia famiglia ama la musica e molti di loro sono musicisti, quindi ne sono sempre stato circondato.

stavi emulando qualcuno quando hai iniziato?
La regina e il re, Madonna e Michael Jackson sono stati i miei primi idoli da bambino e probabilmente quelli che mi hanno ispirato di più.

come hai trovato la tua voce?
Ho sempre cantato da quando ricordo. Per me è sempre stato un modo davvero carino di esprimere i sentimenti.

hai mai avuto qualche allenamento vocale?
Per un breve periodo di tempo ho seguito una formazione vocale classica a scuola quando avevo 16 anni.

sei nervoso o sicuro di te prima di esibirti?
Sono entrambi allo stesso tempo. Sono nervoso ed emozionato prima di salire e una volta iniziato mi sento molto fiducioso, probabilmente perché mi sento a mio agio e libero. Sento che il palco è il luogo in cui posso essere me stessa al massimo.

fai il riscaldamento vocale prima degli spettacoli?
Non sempre, ma la maggior parte delle volte lo faccio per vedere in quale stato si trova la mia voce in questo momento.

hai qualche rituale prima di salire sul palco?
Mi piace prendermi un momento per me e prepararmi solo mentalmente, con calma. Questo mi dà la concentrazione di cui ho bisogno prima di salire sul palco.

C’è qualcosa dopo lo spettacolo che ti aiuta a mantenere la tua voce in forma?
Non proprio, ma mi piace un bicchierino di limoncello. Spero che non sia poi così male.

come ti prendi cura della tua voce in viaggio?
Cerco di non parlare troppo, il che può essere difficile, perché a volte tendo a parlare molto.
E anche dormire abbastanza, il che per me è fantastico, perché amo dormire e di solito dormo molte ore.

quando inizi ad ammalarti cosa fai?
Faccio un bagno caldo, cerco di rilassarmi, con le candele accese e la musica rilassante accesa. Perché a volte ho la sensazione che lo stress sia uno dei motivi per ammalarsi.

ci sono canzoni in cui ti chiedi se la tua voce sarà lì quella notte?
Ho una canzone intitolata What’s the point che è molto impegnativa dal punto di vista vocale e sono sempre un po’ preoccupato prima che inizi l’intro. Ma finora tutto bene! Forse è il limoncello.

ci sono canzoni in cui hai dovuto modificare la tonalità dal vivo?
Sì, a volte abbasso la tonalità della mia canzone “Lovekiller” e a volte la aumento per “Ta mig tillbaka”, ma di solito canto le mie canzoni nella tonalità originale.

qual è stato il tuo incidente vocale più imbarazzante di sempre?
Una volta avevo i postumi della sbornia, perché il giorno prima ero uscito e avevo festeggiato davvero tanto. Mi stavo esibindo in TV per la celebrazione della festa nazionale svedese e la famiglia reale svedese era seduta in prima fila. Ho davvero provato a non cantare stonato e nel miglior modo possibile, ed è andato tutto molto bene fino all’ultima nota, dove l’ho perso completamente ed era così stonato. Stavano filmando la reazione dei Kings e si capiva che non gli piaceva quello che stava sentendo. Questo è qualcosa che io e il mio amico guardiamo a volte e ne ridiamo ancora.

ricordi una performance in cui ti sei sorpreso?
Ricordo di aver cantato la mia canzone “Homeless” nel finale di Idols in Svezia anni fa. Ero davvero felice della performance vocale, perché mi sentivo davvero emozionato mentre la cantavo e sentivo che ciò veniva fuori.

come ti trovi nel sentire la tua voce?
Per me è molto più piacevole ascoltare la mia voce mentre canto rispetto alla mia voce parlata. Penso che molte persone possano identificarsi nel pensare che la loro voce parlante suoni così diversa da come pensano che suoni. Ma oggi va molto meglio perché sono più abituato a sentirlo adesso rispetto a quando ho iniziato.

hai una performance vocale preferita di cui sei davvero orgoglioso?
La prima esibizione a cui penso è quando ho cantato O Holy night in una chiesa sulla TV nazionale svedese. C’è una nota molto alta alla fine della canzone ed ero un po’ nervoso a riguardo, ma sentivo che era andata bene e che l’acustica della chiesa era adatta per una canzone del genere.

cosa è cambiato di più nella tua voce da quando hai iniziato?
Ho più controllo sulla mia voce dal vivo, è stata una cosa che ci sono voluti alcuni anni per padroneggiare. Ho anche notato che la mia gamma è diventata più ampia.

se potessi duettare con un cantante vivo o morto chi sarebbe?
Madonna sarebbe fantastica e surreale. Mi impressiona, nessun altro è stato rilevante per così tanti decenni.

quali sono i tuoi cinque cantanti preferiti di sempre?
Michael Jackson
Madonna
Whitney Houston
Giorgio Michele
Lady Gaga

 

ENG VERSION

who first exposed you to singing?
 
My whole family loves music and a lot of them are musicians, so I’ve always been surrounded by it.
 
were you emulating anyone when you started out?
The queen and king, Madonna and Michael Jackson were my first childhood idols and probably the ones who have inspired me the most.
 
how dit you find you own voice?
I’ve always been singing as long as I can remember. For me it’s always been such a nice way of expressing feelings.
 
did you ever have any vocal training?
For a brief period of time I had classical vocal training in school when I was 16 years old.
 
are you nervous or confident before you perform? 
I’m both of them at the same time. I’m nervous and excited before I go up and once I’ve started I feel very confident, probably cause i feel comfortable and free. I feel like the stage is where I can be myself to the fullest.
 
do you vocal warm ups before the shows?
Not always, but most of the time I do to see which state my voice is in at the moment.
 
do you have any rituals before you hit the stage?
I like to take a moment for myself and just prepare mentally, in a calm way. That gives me the focus I need before going up on stage.
 
Is there anything after the show that helps keep your voice in shape?
Not really, but I do like a shot Limoncello. Hopefully it’s not too bad.
 
how do you take care of your voice on the road?
I try not to talk too much, which can be difficult, cause I tend to talk a lot sometimes.
And also sleep enough, which for me is great, cause I love to sleep and usually sleep many hours.
 
when you start getting sick what do you do?
I take a warm bath, try to relax, with candles lit and relax music on. Because sometimes I feel like stress is one of the reasons for getting sick.
 
 
are there songs where you wonder if your voice will be there that night? 
I have one song called What’s the point that is very vocally challenging and I’m always a but worried before the intro starts. But so far so good! Maybe it’s the limoncello.
 
are there songs where you’ve had to adjust the key live? 
Yeah sometimes i lower the key for my song “Lovekiller” and sometimes I increase the key for “Ta mig tillbaka”, but usually I sing my songs in the original key.
 
what was your most embarrassing vocal mishap ever?
One time I was so hung over, because I went out and parties really hard the day before. I was performing on TV for Swedish national day celebration and the Swedish royal family was sitting in the front row. I really tried not sing off key and as good as possible, and it all went very well until the last note, where I just lost it completely and it was so off key. They were filming the Kings reaction and you could tell he didn’t like what he was hearing. This is something me and my friend watch sometimes and still laugh at it.
 
do you remember a performance where you surprised yourself? 
I remember singing my song “Homeless” in the Idols finale in Sweden years ago. I was really happy with the vocal performance, because I felt really emotional while singing it and I felt like that came through.
 
how are you with hearing you own voice? 
My singing voice is a lot nicer for me to listen to than my speaking voice. I think a lot of people can relate to thinking their speaking voice sounds so different than what they think it sounds like. But it’s much better today because I’m more used to hearing it now than when I started.
 
do you have a favorite vocal performance you’re really proud of? 
The first performance I think of is when I sang O Holy night in a church on National TV in Sweden. There a very high note in the end of the song and I was a bit nervous about it, but felt like it went well and the acoustics in the church was fitting for a song like that.
 
what’s changed the most about your voice since your started? 
I have more control over my voice live, that was something that took a few years to master. I’ve also noticed my range has gotten bigger.
 
if could duet with one singer living or dead who would it be? 
Madonna would be amazing and surreal. She impresses me, no one else has been relevant for as many decades.
 
who are you top five favorite singers all time?
Michael Jackson
Madonna
Whitney Houston
George Michael
Lady Gaga

POSSONO INTERESSARTI...