Grande trionfo (con sorpresa) a Verona per Lo Stadio Tour di Tiziano Ferro

Si è concluso, ieri sera, con un gran trionfo Lo Stadio Tour 2015 di Tiziano Ferro, che nelle ultime settimane ha portato l’artista di Latina ad esibirsi nei più importanti stadi d’Italia.

Eravamo in 80.000 – almeno stando a quanto dichiarato dal cantante stesso – ieri sera allo Stadio Bentegodi, 80.000 persone di tutte le età, bambini ed anziani uniti da un’unica passione: quella per la musica ed in particolare le canzoni di Tiziano Ferro.
Lo spettacolo, perchè di un vero spettacolo si è trattato, è iniziato con qualche minuto di ritardo rispetto al cartellone, cosa davvero positiva, in quanto molti alle 21.15 stavano ancora varcando i cancelli, complice il fatto che nella città Veneta il traffico nella zona è letteralmente andato in tilt, per l’enorme afflusso di persone accorse all’evento.

Tiziano si presenta sul palco elegantissimo, in smoking nero, sollevato da un grosso argano. Xdono è il pezzo scelto per rompere il ghiaccio e che subito scalda gli animi. Attorno a lui, un’imponente scenografia che ha certamente richiesto ore ed ore di lavoro. In scaletta ci sono tutti i suoi pezzi più amati, dai più ballabili come Rosso Relativo, E Raffaella è Mia, L’Olimpiade o Stop! Dimentica, ai più emozionanti come Sere Nere, Fuori è Buio o Alla Mia Età. Insomma una set list molto varia che non ha scontentato proprio nessuno, neanche chi – come me – è avvezzo a concerti più d’impronta rock. Mai una sbavatura, la sua voce risuona cristallina alla fine come all’inizio, dimostrandosi un vero professionista ed un artista di grande talento. In tutto questo, c’è spazio anche per un breve discorso sull’amore – che deve essere “condiviso, mostrato e urlato al mondo”.
Dopo quasi due ore e numerosi cambi d’abito, il concerto è quasi volto al termine.
Ma.. c’è un ma. Ieri sera Tiziano ha riservato ai partecipanti una sorpresa, o meglio, una news inaspettata: visto il grande successo avuto da questo tour, il cantante tornerà ad esibirsi live dal prossimo novembre, questa volta in location più intime e con uno spettacolo tutto nuovo.

Queste le date annunciate (organizzazione a cura di Live Nation):
13.11 – Pala Alpitour (Torino-organizzazione anche di Setup Live)
16.11 – Mediolanum Forum (Assago – Milano)
19.11 – Unipol Arena (Bologna)
21.11 – Palalottomatica (Roma)
24.11 – Palasele (Eboli)
26.11 – Palaflorio (Bari)
28.11 – Palasport (Acireale)
02.12 – Palageorge (Montichiari – BS)
05.12 – Zurigo (Hallenstadion)
06.12 – Ginevra (Arena)
08.12 – Monaco di Baviera (Zenit)
11.12 – Zoppas Arena (Conegliano Veneto – TV)
15.12 – Bruxelles (Forest National)
17.12 – Lugano (Pala Resega)
19.12 – Mandela Forum (Firenze)

Dopo una breve pausa ed i dovuti ringraziamenti a tutto lo staff, Tiziano chiude la sua performance con Non Me Lo So Spiegare e l’ultima hit Incanto durante la quale è stato letteralmente sollevato al cielo dai membri della squadra tecnica, chiamati sul palco da lui stesso. Che dire.. con questo tour in grande stile, Tiziano ha chiaramente dimostrato di essere un grande performer, oltre che un grande artista, e di meritarsi tutto il successo che ha, diventando una delle bandiere della musica italiana nel mondo.
Arrivederci al prossimo tour!

Testo a cura di Claudia Favalli 

Editor review

Summary

Ieri sera Tiziano Ferro ha chiuso Lo Stadio Tour con il concerto allo Stadio Bentegodi di Verona, ma ha annunciato nuovi live per l'autunno.

You might also like

RECENSIONI

Sangue Disken porta buona musica in città: Pietro Berselli all’Upcycle Bike Cafè

Il contenitore Sangue Disken è in continuo fermento. Tra le invenzioni del lunedì al Gattò e l’innovativa presa di posizione di Italica, rassegna interessante nell’innovativa location di Base, di mezzo

RECENSIONI

Gods Of Metal 2016: le foto e la recensione

Si è svolto il 2 giugno, all’autodromo di Monza l’edizione 2016 del Gods Of Metal. Ben 10 band, che hanno suonato sin dal mattino nella splendida cornice del Parco di

RECENSIONI

Uno show da peso massimo della musica per Robbie Williams a Verona

Fin dagli anni 80, le Boy-band hanno riempito gli stadi in tutto il Mondo. Di solito durano pochi anni, pochi album, per poi perdere popolarità e membri. Così fece Robbie