40 anni di Television in scena al Live Club di Trezzo

40 anni di Television in scena al Live Club di Trezzo

Dopo il concerto all’Orion Club di Roma, i Television sono approdati ieri sera al Live Club di Trezzo sull’Adda per la seconda ed ultima data di questa tranche italiana del loro tour.

Se durante la tappa di Roma, la band newyorkese ha voluto proporre per intero dal vivo il loro album più rappresentativo, Marquee Moon, ieri sera hanno deciso di cambiare rotta e di proporre una panoramica dei loro oltre 40 anni di carriera, che conta però davvero poche (seppur preziose) produzioni: 3 dischi in studio ed altrettanti live album.
La formazione odierna vede Tom Verlaine alla voce e chitarra, Jimmy Rip alla chitarra e cori, Fred Smith al basso e cori e Billy Ficca alla batteria.

Nel ringraziare Shining Production e Barley Arts per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Stefano Cremaschi:

Previous Sarà Luca Barbarossa a condurre il Concerto del Primo Maggio a Roma
Next Nuove date per l'Endkadenz Tour 2016 dei Verdena

Editor review

Summary

Dopo il concerto a Roma, i Television sono approdati ieri sera al Live Club di Trezzo sull'Adda per la seconda data di questa tranche italiana del loro tour.

You might also like

REPORTAGE

Il furioso ritorno di Juliette & The Licks al Magnolia di Milano

Sette anni dopo la loro ultima apparizione Juliette & the Licks sono finalmente tornati in Italia per l’unica ed imperdibile data al Circolo Magnolia di Segrate (Milano), che si è tenuta ieri

REPORTAGE

The Pretty Reckless salutano l’Italia con un energico show a Milano

Dopo l’ottima accoglienza ricevuta a Bologna (QUI il reportage del concerto), Taylor Momsen e i suoi The Pretty Reckless sono approdati – ieri sera, 7 Febbraio 2017 – al Fabrique

GALLERY

L’home-made metaller Fleshgod Apocalypse al Druso di Ranica

Da quando hanno pubblicato il loro ultimo lavoro in studio King per Nuclear Blast lo scorso febbraio, i Fleshgod Apocalypse hanno iniziato un estenuante tour promozionale che, oltre ad averli portati