Il cattivo tempo non ferma la musica al concerto del Primo Maggio di Bologna

Il cattivo tempo non ferma la musica al concerto del Primo Maggio di Bologna

Grande successo per il concerto del Primo Maggio di Bologna che anche quest’anno ha visto sul palco in qualità di padrone di casa il giornalista, scrittore e conduttore radiofonico Luca Bottura che, accompagnato dalle incursioni di Paolo Nori ed Enrico Bertolino, ha dato vita ad una rilettura in chiave satirica delle notizie sul mondo del lavoro affiancato dalla resident band composta da Bengi e i Ridillo (sulla falsariga dell’esperienza consolidata con la trasmissione radiofonica 42 di Radio Capital). Lo scrittore e autore, per la seconda volta conduttore “suo malgrado” di una vera e propria maratona tra musica, satira, attualità.

Questo il cast che si è alternato sul palco allestito in Piazza Maggiore: Ladri di Carrozzelle, Mulini a Vento, Li Bassi, Osteria del Mandolino, Sara Loreni, Antico, Dimartino, La Differenza feat. Omar Pedrini, Dardust e la Bandabardò.

Ecco chi sono gli artisti che hanno calcato il palco di Piazza Grande: Ladri di Carrozzelle che mostrano che la disabilitĂ  non è un limite… nemmeno nel fare rock; i Mulini a Vento che si definiscono una band di “musica resistente contro l’indifferenza”; Li Bassi un groove irresistibile da Torino, musicisti eccezionali (tra cui l’intera sezione ritmica della rock band di Eugenio Finardi) e testi accattivanti, tutti da ballare; Osteria del Mandolino, una formazione musicale che nasce con lo scopo di portare alla luce e all’attenzione del pubblico la musica che si sviluppa in Italia dalla seconda metĂ  dell’800 fino ai giorni nostri, attraverso autori illustri, virtuosi musicisti e soprattutto attraverso il ballo; Sara Loreni resa famosa dal suo “no” a X Factor ma confermata nel cuore del pubblico per aver introdotto grazie sue affascinanti performance live un nuovo senso al termine “cantautrice”; Antico un vero onore avere sul palco del Primo Maggio un’icona vivente come il siciliano Alfio Antico, tra i percussionisti piĂą importanti d’Europa nonchĂ© artefice di suoni ancestrali a metĂ  fra passato e futuro. Il suo ultimo disco è uno tra piĂą belli del 2016; Antico sarĂ  accompagnato dal vivo da Mario Conte e Lorenzo Urciulo (Colapesce), entrambi al lavoro sull’album di Alfio anche in veste di produttori; i Ridillo dal 1991 rappresentano il Funk & Soul Made in Italy, con un cocktail di suoni ed energia e spettacoli raffinati, ironici e unici nel loro genere; Dimartino straordinario autore capace di interpretare con uguale intensitĂ  le istanze della scena alternative e il bisogno di ritorno alle origini e alla tradizione di questo Paese; La Differenza feat. Omar Pedrini una delle band piĂą interessanti della scena pop-rock italiana, originaria di Vasto, che per l’occasione si esibirĂ  insieme al cantautore e chitarrista Omar Pedrini; Dardust il prezioso e sorprendente progetto tra elettronica e minimalismo di Dario Faini (anche autore di alcune tra le maggiori hit radiofoniche degli ultimi anni), un vero suono internazionale; Bandabardò uno “scalcinato e irriverente accrocchio di musicisti” tanto forti e originali con la loro storia da essere diventati un’istituzione dei palchi italiani.

Di seguito le foto della giornata, per gentile concessione di Raffaella Vismara (si ringrazia Parole&Dintorni):

You might also like

EVENTI

GruVillage 2015: dal 13 Giugno al via la grande estate in musica

Il prossimo 13 Giugno inizia finalmente il GruVillage che quest’estate festeggia i sui primi dieci anni e si consolida come la rassegna di musica e spettacolo dal vivo che ogni

REPORTAGE

Grande performance a Lucca per i Kasabian

Ieri sera, 23 Luglio 2017, i Kasabian sono approdati al Lucca Summer Festival per presentare al pubblico accorso nella cittĂ  toscana il nuovo album For Crying Out Loud, attualmente in

REPORTAGE

Il Teatro San Domenico si veste di Blues con Fabio Treves Blues Band

Una serata speciale per festeggiare oltre 40 di musica Blues e a calcare il palco del prestigioso Teatro San Domenico di Crema ieri sera c’era proprio lui Fabio Treves (soprannominato