Facce pulite, rock garage nelle vene: Japandroids live a Milano

Facce pulite, rock garage nelle vene: Japandroids live a Milano

Brian King e David Prowse, faccia da bravi ragazzi e tanto cuore e cervello. I Japandroids sono sul palco della Santeria di ritorno dal primavera festival di Barcellona, tenuti a bada da ragazzacci in maglia Salad Days o Descendents, arrivati sul posto sin dalle 18. Un duo magico, i Japandroids, impietrito in cassa e rullante e chitarre, quelle che Prowse cambia in continuazione e tiene davanti a sé per dare potenza di fuoco agli amplificatori dietro di lui. Una musica genuina che dopo Post-nothing vira verso il melodic hc, sempre corroso da ruvidità e classe.

 Near to the wild Heart of Life, per l’appunto, titolo di alta classe del loro ultimo album che è anche la canzone introduttiva di una serata divertente, tra accenni di pogo e birre saltanti tra i kids. Dopo un tuffo nella Fire’Higways del mitico Celebration rock, il seme rock si sparge tra Tra True love and a free Life of wild e Arc of bar. i due canadesi non improvvisano e spezzano le bacchette con arguzia e sudore colato sulla fronte, mentre i fuochi d’artificio sputano celebri attimi di garage punk e sporcizia lo-fi pop, il tutto in diretta dal cielo di Vancouver.

Non proprio avvezzi allo star system e al gioco (o giogo) da poseurs, i due offrono liquori al più appassionato spilungone del pubblico, dopo un salto che riporta in vita i The Gun Club e mira a sparigliare i reef di No know drink or drug.E poco importa che Boys are leaving town (una dei miei punti forti) non viene suonata, i due Japandroids ci sanno fare e, al termine dello show, sono esausti, con Prowse a terra e la maglietta di Brian praticamente fradicia.

Anche questo è essere in debito con la rock attitude.

Grazie a Comcerto.

Testo a cura di Andrea Alesse

Previous Ascolta The Man, il nuovo singolo dei The Killers
Next Nuova verve e nuovi suoni: ecco i Manitoba e Brasilia

You might also like

GALLERY

Airbourne, il ritorno a Milano dei fratelli O’Keeffe

Gli Airbourne dei fratelli O’Keeffe scelgono la giornata giusta per alzare il termometro alle stelle all’interno del Live Club di Trezzo. A nove anni dall’uscita del fortunatissimo Running Wild, gli

RECENSIONI

Waxahatchee, female power rock al Serraglio Club di Milano

Underground americano, un fascino maledetto che ispira amorevoli sensazioni di etichette affascinanti e sotterranee, ammaliando intere generazioni . Tra queste, anche quella del progetto Waxahatchee, una combo di female attitude

RECENSIONI

Somewhere Festival 2017 programma la nostra estate, e intanto ci regala Veyl

Un posto urbano inesplorato e affascinante come la Palazzina 7 di Viale Molise, un gruppo di organizzatori caparbio, una serata all’aria aperta in mezzo ad un luogo ritrovato. Tutto questo