Facce pulite, rock garage nelle vene: Japandroids live a Milano

Facce pulite, rock garage nelle vene: Japandroids live a Milano

Brian King e David Prowse, faccia da bravi ragazzi e tanto cuore e cervello. I Japandroids sono sul palco della Santeria di ritorno dal primavera festival di Barcellona, tenuti a bada da ragazzacci in maglia Salad Days o Descendents, arrivati sul posto sin dalle 18. Un duo magico, i Japandroids, impietrito in cassa e rullante e chitarre, quelle che Prowse cambia in continuazione e tiene davanti a sé per dare potenza di fuoco agli amplificatori dietro di lui. Una musica genuina che dopo Post-nothing vira verso il melodic hc, sempre corroso da ruvidità e classe.

 Near to the wild Heart of Life, per l’appunto, titolo di alta classe del loro ultimo album che è anche la canzone introduttiva di una serata divertente, tra accenni di pogo e birre saltanti tra i kids. Dopo un tuffo nella Fire’Higways del mitico Celebration rock, il seme rock si sparge tra Tra True love and a free Life of wild e Arc of bar. i due canadesi non improvvisano e spezzano le bacchette con arguzia e sudore colato sulla fronte, mentre i fuochi d’artificio sputano celebri attimi di garage punk e sporcizia lo-fi pop, il tutto in diretta dal cielo di Vancouver.

Non proprio avvezzi allo star system e al gioco (o giogo) da poseurs, i due offrono liquori al più appassionato spilungone del pubblico, dopo un salto che riporta in vita i The Gun Club e mira a sparigliare i reef di No know drink or drug.E poco importa che Boys are leaving town (una dei miei punti forti) non viene suonata, i due Japandroids ci sanno fare e, al termine dello show, sono esausti, con Prowse a terra e la maglietta di Brian praticamente fradicia.

Anche questo è essere in debito con la rock attitude.

Grazie a Comcerto.

Testo a cura di Andrea Alesse

You might also like

REPORTAGE

Gregory Porter: una serata di grande musica a MonfortInJazz

Tutto esaurito all‘Auditorium Horszowski di Monforte d’Alba dove era in programma il concerto di Gregory Porter, cantante e compositore statunitense dall’anima saldamente radicata nel crocevia della grande musica nera, tra jazz,

TOP NEWS

In 9.000 all’Arena di Verona per i Dear Jack

Verona, 31 Agosto 2015 In 9000 sotto il chiaro di luna si sono recati questa sera all’Arena di Verona, uno dei monumenti d’Italia più ambito dagli artisti, per ascoltare con

GALLERY

Gli Slipknot incendiano Roma!

Prima o poi doveva succedere, e dopo 16 anni gli Slipknot si avventurano fino a Roma. Assieme a loro gli svedesi At The Gates e i Temperance, chiamati da Rock In Roma