La Hills Race 2015 porta a Rivanazzano Terme un po’ di America

La Hills Race 2015 porta a Rivanazzano Terme un po’ di America

Dal 4 al 6 settembre a Rivanazzano Terme (Pavia) presso l’Aeroporto si è svolta la Hills Race: tre giorni di sfide di accelerazione, di spettacoli e musica in puro stile a stelle e striscie.

Un evento unico che ha visto sfidarsi sul rettilineo in brucianti gare di accelerazione supercar americane e Maggiolini. Ma non è tutto: ad accogliere piloti in gara e visitatori un parco auto in stile Hot Wheels, pin up e paddock aperti per seguire i lavori dei meccanici.
A un evento in stile yankee non poteva certo mancare Harley-Davidson, marchio simbolo dei motori americani, presente in forma ufficiale con il truck Discover More Tour: un’area dedicata dove poter vedere e provare gratuitamente gli ultimi modelli della gamma Touring. In tema Harley, anche il Bike Show, una competizione tra le più belle moto special presenti all’evento, rigorosamente a due cilindri.

Nel ringraziare l’organizzazione MediaGarage – Rivanazzano Dragway per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Romano Nunziato:

Previous Il nuovo disco dei The Winery Dogs è Hot Streak
Next I 40 anni in musica di Fiorella Mannoia: la festa all'Arena di Verona

Editor review

Summary

Dal 4 al 6 settembre a Rivanazzano Terme (Pavia) presso l’Aeroporto si è svolta la Hills Race 2015.

You might also like

REPORTAGE

La promessa del pop Halsey presenta il nuovo album a Milano

E’ finalmente approdata in Italia la nuova promessa del pop mondiale Halsey, reduce da un sold out al Fabrique di Milano dello scorso anno. Stavolta la location è quella dell’Alcatraz,

GALLERY

Elisa: emozioni, ricordi ed anche una proposta di matrimonio

Elisa non sa stare lontano dal palco, anzi il palco è la sua casa. Qui si trasforma, la sua apparente timidezza diventa grinta e pura essenza pop-rock. I suoi fan

GALLERY

Stupende atmosfere Rock per Neil Young al Market Sound di Milano

Neil Young è uno dei più influenti e controversi cantanti–autori della sua generazione, uno dei pochi veterani del rock con la carica e la vitalità di un giovane musicista. Dall’inizio