La positività di Frank Turner illumina il palco di La spezia

La positività di Frank Turner illumina il palco di La spezia

Se per caso avete passato una giornata triste o siete semplicemente giù di morale, vi consiglio vivamente di andare a vedere dal vivo un concerto di Frank Turner.

Il suo ultimo disco positive song for negative people è proprio il perfetto titolo del suo show di stasera.

Ho già visto Frank diverse volte e quella di questa sera sembra diversa dalle altre. La location è molto bella situata sul lungo mare di La spezia palco piccolo poche persone, ma giuste e poi c’è la voce e la chitarra di Frank Turner a fare il resto.

Lui adora l’Italia ci viene spesso anche con la fidanzata per trovare gli amici italiani che sono tanti e che lo seguono per tutto lo stivale.

L’ex cantante dei Million dead sul palco è sempre straordinario ed insieme alla sua band storica tengono il palco in un modo incredibile.

Partono subito con I Still Believe da England Keep My Bones ed è subito festaCome ho scritto in precedenza il pubblico è poco, ma competente e cantano tutte le sue canzoni dalla prima all’ultima. I momenti migliori si hanno con i brani tratti da Tape Deck Heart  con i brani Recovery Polaroid picture, Losing Day, Plain Sailing Wheather.

“…siamo ad una festa tra amici e allora balliamo insieme…”

La sua anima punk harcore viene fuori in tutti i brani anche quando suona da solo con la sua chitarra acustica. Naturalmente si sono visti anche dei momenti molto punk come mosh pit e circle pit continui durante i brani più carichi. Non manca mai un intramezzo in lingua italiana, che rispetto ad una anno fa quando lo vidi a Merano , è molto migliorato.

Durante Photosynthesis, con il suo ritornello “E non voglio sedermi / E non voglio stare zitto / E soprattutto, non voglio crescere,” Turner è riuscito a ottenere tutta l’attenzione del pubblico riuscendo a farli saltare e ballare a braccia alzate. In un concerto di Frank Turner non può mancare Four Simple Words dove come sempre si butta tra la folla a cantare facendosi abbracciare dal pubblico. Queste sono quelle giornate che vanno ricordate, passi una giornata al mare in una città splendida, con gli amici di sempre in compagnia di un artista straordinario, disponibile e genuino che discute con te alla fine del concerto sul perchè indossa la maglia di un gruppo punk hardcore americano che si è appena riunito dopo 20 anni.

Grazie di tutto Frank Turner.

SETLIST:
I Still Believe
The Next Storm
Try This at Home
Recovery
The Road
Losing Day
Plain Sailing Wheather
Glorious you
Polaroid picture
i am disappeared
journey of the magi
the opening act of spring
ballad of me and my frinds
song for eva mae
intramezzo in italiano…
love 40 down
mittens
long live the queen
if eyer i stray
out of breath
photosynthesis
Get Better
Four Simple Words

Testo e foto a cura di Carlo Vergani

Previous Al Mirano Summer Festival protagonista la musica degli Stadio
Next Hard Rock protagonista al Pistoia Blues con Whitesnake e Hardcore Superstar

You might also like

GALLERY

Il debutto live italiano di Jake Isaac al Tunnel Club di Milano

E’ un nome che, forse, ai più non dirà molto, ma in Inghilterra Jack Isaac ha conquistato le platee e non solo, dato che nientemeno che Sir Elton John lo

GALLERY

I Bud Spencer Blues Explosion dominano alla Famiglia No Festival

Tre giorni all’insegna della musica rock hanno investito Crema lo scorso fine settimana grazie alla tenacia della Famiglia No, che dopo anni di siccità, torna a bagnare l’arido terreno cremasco portando in

GALLERY

L’Hiroshima onora Il Vile e i Marlene Kuntz con un sold out

Marlene Kuntz, Il Vile. Bastano queste poche parole per creare interesse e attesa nella scena alternative rock italiana. Dopo il successo del tour del 2014 per rendere omaggio a Catartica,