Fabrizio Moro: ottimo banco di prova all’Alcatraz di Milano

Fabrizio Moro: ottimo banco di prova all’Alcatraz di Milano

Fabrizio Moro ha inaugurato la sua stagione live con due concerti – uno a Roma e l’altro a Milano – prima di partire ufficialmente la prossima estate con il tour promozionale per il suo ultimo album Via Delle Girandole 10.

Dopo l’ottima prova romana, ieri sera è toccato all’Alcatraz di Milano, in cui il cantautore – attualmente impegnato nelle vesti di professore nel talent Amici 15 – ha voluto ripercorrere in musica tutta la sua carriera, riproponendo i vecchi successi insieme ai brani estratti dall’ultima fatica discografica.
Uno show che è stata semplicemente una conferma, oltre che un banco di prova, prima di partire ufficialmente con il tour.

In scaletta non mancano brani romantici come Eppure mi hai cambiato la vita, L’eternità ed Il senso di ogni cosa, canzoni più riflessive ed intimiste come Fammi sentire la voce, Soluzioni e Sono come sono, fino a brani più impegnati come Da una sola parte e L’Italia è di tutti.
Insomma, Fabrizio ci tiene a sottolineare che oltre ad essere un ottimo autore è anche un bravo performer ed intrattenitore.

Nel ringraziare Luca Giudice e Daniela Turchetti dell’Ufficio Stampa di Fabrizio Moro per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Romano Nunziato:

You might also like

REPORTAGE

L’ultimo saluto dei Pooh alla Città Eterna

Cinquanta canzoni per festeggiare i cinquantanni di carriera. E’ questo che i Pooh stanno portando in giro per l’Italia. Anche ieri sera, in occasione della data di Roma al PalaLottomatica,

REPORTAGE

Ritorno al futuro: i Baustelle in salsa pop

I Baustelle devono crederci molto nell’ultimo album  se praticamente tutta la prima parte del concerto tenuto a Bologna lo scorso 14 marzo è l’esecuzione in sequenza de L’Amore e La

GALLERY

Il rock de Il Teatro Degli Orrori scatena l’Hiroshima di Torino

Era stracolmo di persone, ieri 23 ottobre, l’Hiroshima Mon Amour di Torino, per la secondata data del nuovo tour della Alternative Rock/Metal band Il Teatro Degli Orrori. Oltre due ore