Young Prophet II è fuori, intervista a Mavi Phoenix

Autrice: Mavi Phoenix

Album: Young Prophet II

Ventidue anni, austriaca ma con radici lontane. Mavi Phoenix è pronta a dettare legge nella scena internazionale- Una capacità compositiva notevole, in cui il rap si fonda con la bass electro e la jungle, e la scena si fa torrida come quando la nostra ha collaborato con Crookers e altri miti del clubbing alternativo.

Young Prophet II” è il suo nuovo Ep, dove in sei canzoni arriva una ventata di aria fresca che Mavi Phoenix getta in faccia all’ascoltatore sin dalla presa di posizione di 7eleven e dalle scorribande dub di Bite. Una poetessa moderna, perfetta per uno stile urbano che venera un beat lisergico e una dancehall da costruire sotto le macerie del capitale metropolitano. Sentite Prime, traccia sull’incertezza del futuro e la voglia di protagonismo che utilizza ad un certo punto una miscela di Gaika sound direttamente sparato in aria con la sua capacità di fare rap. Mavi Phoenix è però anche capace di sprazzi r’n’b, con Yellow che chiude un po’ malinconica il suo ultimo lavoro, reso ancor più interessante dal suo odi et amo per l’isola dei sogni. Quell’Ibiza che vale una canzone sopra le righe, come la sua musica e il suo talento.

Godetevi la nostra breve intervista con la carismatica Mavi Phoenix.

1) Un nuovo EP e una nuova celebrazione del tuo talento. Mavi Phoenix è una profeta cosmopolita della musica mondiale, in un periodo pieno di contraddizioni politiche. Cosa ne pensi di questa affermazione?

Mavi Phoenix: Mi sento molto onorata. Quello che hai appena detto è esattamente quello che sto cercando di essere. So che non ci sono ancora, ma mi sto avvicinando ogni giorno. Per quanto faccia davvero schifo … è anche piuttosto eccitante fare musica in tempi politici come questi. Non penso di essere qui per dire al mio pubblico cosa è giusto e cosa è sbagliato, piuttosto che la mia musica e il mio personaggio sono solo uno spazio sicuro per loro.

2) Fai tutto da sola (composizione, creazione del beat …)?

Mavi Phoenix: No. L’ho fatto per il mio primissimo progetto, l’EP “My Fault”. Ma dal momento che Young Prophet lavoro con un produttore della mia città, Alex The Flipper. Lavoriamo molto insieme e lui si unisce anche a me in tour come mio DJ. Quindi lavoro con lui e altri produttori di volta in volta. Non ho ancora lavorato con nessuno sul songwriting, ma sono aperto anche a questo. Penso che lavorare insieme come una squadra migliora solo la musica.

3) Parlaci della nuova canzone “Ibiza“. Sembra una rappresentazione lenta di una nuova idea della famosa isola.

Mavi Phoenix: Mi piace. Stavo pensando a come sarebbe Ibiza se fosse una ragazza vera. Come se fossi una tipa da feste. E come questo non si adatta necessariamente alla mia personalità. Quindi ci separiamo. Ma non posso davvero lasciarmi andare, perché c’è un certo tipo di fascino per le cose che in realtà non sono buone per te.

4) Ci sono molte influenze nella tua musica. Parlaci dei tuoi ascolti e delle tue attuali preferenze.

Mavi Phoenix: Sai, tutti dicono sempre che gli piacciono “tutti i tipi di musica”? Beh, mi sento davvero, davvero. Mi piace ogni genere. Adoro la musica. E penso che le mie canzoni lo rappresentino. Amore per la musica Ogni tipo. Ma ancora … mi vedo come un attrice pop urbana. Non mi piace essere chiamata rapper. La mia maggiore influenza è Hip-Hop, ma comunque … Io non sono un rapper (ride) “La musica pop non sarà mai bassa”. – Lady Gaga l’ha detto una volta e io ci credo.

Andrea Alesse

recensioni@thefrontrow.it



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi