Waxahatchee, female power rock al Serraglio Club di Milano

Waxahatchee, female power rock al Serraglio Club di Milano

Underground americano, un fascino maledetto che ispira amorevoli sensazioni di etichette affascinanti e sotterranee, ammaliando intere generazioni . Tra queste, anche quella del progetto Waxahatchee, una combo di female attitude che arriva da Birmingham, Alabama, planando sul Serraglio con uno show cinematico e pieno della giusta femminilità. Un’ossessione sonora per amanti del genere e per attenti ascoltatori che al Serraglio Club si sposa perfettamente con la credibilità di un locale reso una piccola perla della città milanese, anche grazie a gente del giro giusto (per dirla alla Bugo), vedi Via Audio e DNA Concerti.

Un nome volutamente ostico Waxahatchee, costruito sulla solidità e sul fascino delle sorelle Katie e Allison Crutchfield, cantante a attrice principale la prima, guardaspalle alle keyboards e ai cori la seconda. Dato che il connubbio è indissolubile, ecco allora che prima dello show principale tocca ad un altro side projects, quello che Allison ha composto insieme ad altre due componenti (batterista e battista), per mischiare indie pop di stampo anni ’90 con accenni di The Hinds e amorevoli tocchi di Roland ad affermare la buona leva del trio. Teste che iniziano a muoversi all’unisono, quindi, per scaldare la seconda parte di una serata che ha richiamato un buon numero di presenti e vede arrivare poi la sfrontatezza delle Waxahatchee capitanate stavolta dall’altra Crutchfield, Katie.

Vestito bianco e frangetta battagliera per uniformare spesso tre chitarre elettriche, alternando brani dal retrogusto indie folk. Una Angel Olsen spesso più dannata, ma sempre assistita da una voce melodica e sensuale, con la quale canta le liriche di Out in the Storm, album del giugno scorso che ha interamente scritto lei.
Partono così gli umori di Recite Remorse, Silver e 8 Bail, per un disco che ha scoperchiato anche un power rock orgogliosamente femminile, con quella forza che Sleater Kinney e Vivian Girls hanno sdoganato tempo fa e donato proprio alle nostre Waxahatchee .

Mentre si alternano vecchie canzoni (le nostre hanno all’attivo ben quattro album), sale il livello di tensione e di passione,  e mentre Brother Bryan e Waiting ripetono ritornelli di sano e giovanile rock, costruiti intorno a cocci di storie rotte e ormai passate, sale in cattedra il protagonismo di una poetessa che sa anche alzare spesso i toni dell’incontro, stendendo detrattori e falsi miti pop ).

Autobiografia e sentimento (Peace & Quiet su tutti i brani) che fanno da contorno a secche linee di basso e robotica batteria, tra trancianti disegni di una emozionata Katie, per la prima volta in Italia.

Un grazie a Via Audio e DNA Concerti.

Testo a cura di Andrea Alesse

Previous Una nuova settimana per l'Arci Ohibò, con Piotta in pole position
Next Niccolò Fabi: oggi in radio Diventi Inventi, brano inedito estratto dall'omonima raccolta

You might also like

GALLERY

Gods Of Metal 2016: le foto e la recensione

Si è svolto il 2 giugno, all’autodromo di Monza l’edizione 2016 del Gods Of Metal. Ben 10 band, che hanno suonato sin dal mattino nella splendida cornice del Parco di

GALLERY

La luce dei The Lumineers illumina il Vittoriale

Ieri sera, 20 Luglio 2016, all’Anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera si è svolto l’evento più atteso del Festival Tener-a-mente, che ogni anno porta nella cittadina affacciata sul Lago di Garda

GALLERY

L’Officina della Camomilla, rinascere indie pop per essere se stessi

Uno show acustico, per terminare la propria stagione giocando in casa nella propria Milano. L’Officina della Camomilla esce allo scoperto abbracciando chitarre allo zucchero filato e cori che l’Acatraz con