Vessels, l’energia e l’ipnotismo di The Great Distraction per muoversi insieme

Vessels, l’energia e l’ipnotismo di The Great Distraction per muoversi insieme

I Vessels sono tornati, pronti a fortificare i vostri ascolti con l’esistenzialismo post elettronico e n disco, The Great Distraction, reso importante anche dalla collaborazione con altri grandi operatori del settore. Musicalità e ritmo, per una musica che risuona magnetica e prorompente, in barba alle diatribe nerd legate alla classificazione tra generi.

Questo è l’istinto Vessels sin dall’iniziale ed essenziale Mobilise, punta di diamante non solo per il video musical ben costruito, ma anche per l’ipnotica e ballabile presa di posizione che i ragazzi di Leeds portano in musica per smobilizzarvi sin da subito con tocchi di ritmo e saudade dei grandi rave party del Glanstombury festival.

Non servere prendere in mano il solito sestetto di birre, con i Vessels parti subito all’arrembaggio, anche grazie a monsignor The Flaming Lips che li assiste in Deflect The light, per volare alto come con nel cuore i Pet Shop Boys e una sovietizzazione da dancefloor che qui ha anche la melodia sperimentale, tra la verve di effetti drum and bass.

Position riporta tutto nella lavatrice dei Matmos, con i fratelli chimici che guardano i Vessels sino a prendersi cura di loro in Radiart con percussioni amiche e rovesciamenti di fronte molto interessanti e ritmo vertiginoso che sale per far planare anche un po’ di sole nella grigia terra inglese.

Subito dopo, con i Vessels balla anche Vincent Neft dei Django Djanago, per riportare un po’ di tranquillità in un album dai ritmi spesso stratosferici e divertenti, come peraltro poi fa la bella Everyone is falling. Tutti cadono, ma farlo con le gesta e la voce robotica che qui mettono in piedi i ragazzotti inglese diviene sempre più facile.

Nel gran finale di Erase Tapes compare la fantastica presenza di Jonh Grant, una lucertola che mette in piedi una miscela esplosiva di storyelling e soundtrack come sempre esplosiva. Il folk rock che si fonde con la dance rock per farsi grande tra suoni stroboscopici, giù il cappello per i Vessels.

Testo a cura di Andrea Alesse
recensioni@thefrontrow.it

Previous Tutte le nomination dei prossimi MTV EMAs 2017
Next Germanò, altro eroe pop, altro giro di melodia convincente

You might also like

TOP NEWS

Il 31 Luglio nei negozi il debutto del supergruppo Teenage Time Killers

I Teenage Time Killers, il supergruppo formato da Dave Grohl (Foo Fighters), Pat Smear (Foo Fighters), Nick Oliveri (Queens Of the Stone Age), Corey Taylor (Slipknot) e Matt Skiba (Alkaline Trio, Blink

TV

The Voice Of Italy 2015: il 10 Luglio gli album di debutto di Carola, Roberta Carrese e Thomas Cheval

Dopo il grande successo dell’ultima edizione del talent The Voice Of Italy, Universal Music annuncia la pubblicazione degli album di debutto dei tre finalisti: Carola, Roberta Carrese e Thomas Cheval. Tutti

USCITE

Ligabue: Made In Italy è il primo concept album del rocker

In queste ultime ore, Luciano Ligabue ha tenuto un’intervista con IlCorriere.it, durante la quale ha parlato dei suoi imminenti live del 24 e 25 Settembre denominati LigaRockPark ma, soprattutto, i dettagli