Un luogo e un festival unici, Viola Costa ci parla di TENER-A-MENTE

Dal 16 giugno al 26 luglio sarà ancora TENER-A-MENTE festival presso lo splebndido Anfiteatro del Vittoriale a Gardone Riviera, con 14 date di artssti eccellenti.

Da Johnny Marr a Billy Corgan, con CALEXICO and IRON & WINE e Glen Hansard, tanti nomi eccellenti e tante belle serate. Ne abbiamo parlato con la direttrice artistica del festival Viola Costa.

 

Partiamo da una curiosità. Spiegaci l’origine del nome del festival, TENER-A-MENTE.

Il nome è una citazione di origine dannunziana. Noi siamo ospiti presso il Vittoriale degli Italiani e Gabriele D’annunzio non  è molto presente nella nostra programmazione,  m a lui ci ispiriamo nella cifra artistica, recuperando lo spirito non in maniera filologico classica. Un uomo che amava la bellezza. E TENER-A-MENTE è per l’appunto un gioco di parole che lui usa in più di un’occasione con le sue amanti, e che troviamo in un biglietto che è posto sotto al palco del teatro. Un bel monito per ricordare un artista e un gioco di parole romantico che ha dato spolvero per un cambiamento della programmazione teatro rispetto agli anni ’80.

Rispetto agli altri festival TENER-A-MENTE sembra avere un amarci in più dal punto di vista dell’internazionalità. Mi confermi questa cosa.

Sicuramente. Ti dico che gestire un luogo della cultura come il Vittoriale non è facile. Il teatro, progettato dall’architetto Maroni  e ispirato dall’anfiteatro di Pompei, non ha avuto modo di essere visto da D’Annunzio, in quanto non completato prima della sua morte per mancanza di fondi. Nato comunque dalla sua concezione, è posto in un luogo magico, dominando il lago di Garda con la vista della sponda veronese e la luna che si può specchiare dall’acqua, tanto è che il calendario è accompagnato proprio dal calendario lunare. In tal senso, i posti privilegiati sono il settore della gradinata non numerata, meno belli per chi non conosce il teatro, ma che godono di una vista eccezionale.

Tale luogo ci fa apprezzare meglio D’annunzio, non solo un dandy ma un personaggio geniale e poliedrico, che può essere raccontato da Giordano Bruno Guerri, presidente della fondazione Il vittoriale e uomo che ci ha incaricato di gestire l’anfiteatro.

Veniamo alla programmazione del festival. Come avviene la selezione degli artisti? Il cartello è davvero di prima scelta.

Ti dico che per noi è stato in passato molto importante svecchiare il programma del teatro non più al passo con i tempi. C’era anche la voglia di cambiare target, non solo turisti ma anche appassionati di cultura. Così abbiamo deciso di lavorare su eccellenza dei linguaggi e modernità. Cos’ abbiamo scelto la musica, in un festival a totale gestione privata che si finanzia con la vendita dei biglietti.

Si strizza l’occhio alla musica puntando in alto, non solo intrattenimento ma artisti che hanno qualcosa da dire. Abbiamo nomi eccellenti e nomi di nicchia, con appassionati che si strizzano i capelli. Artisti di culto, come Glenn Hnasard e Billy Corgan, che ho scelto e aspetto con molta curiosità, e anche  come Gary Clarck Jr. Un artista che è considerato il futuro del blue ed è apprezzato all’estero, per un live che si avvia verso il tutto esaurito.

Visto che il festival è un’eccellenza, in questi momenti bui, fate anche resistenza culturale con TENER-A-MENTE.

Certamente, per sua stessa natura e per vocazione dell’Associazione che lo rappresenta. In tal senso , si finanzia da sé e cerca l’equilibrio economico,  con un elevato rischio d’impresa e un travaso di pubblico che non arriva dal turista del Garda.

Abbiamo un pubblico che arriva da tutta Italia, con un 62 % che l’anno scorso arrivava da fuori la provincia di Brescia. Mettici anche che i mezzi di comunicazione verso il teatro non sono eccellenti e ci sono pochi bus, con la città più vicina a un’ora di macchina. Anche in questo c’ù una missione culturale, anche perché al di  fuori del Comune di Gardone l’aiuto non c’ancora stato. Ma auspichiamo la nascita di collaborazioni con altre istituzioni pubbliche.

Concludiamo con un invito ai lettori di The Front Row.

Venite a vedere il festival,  e se avete amici a quattro zampe venite con loro, perché ci sono posti a loro dedicati con acqua e biscottini, per farli stare vicini al loro padrone. Tutte le info su https://www.anfiteatrodelvittoriale.it/.

Grazie a Viola Costa.

Andrea Alesse

recensioni@thefrontrow.it

 



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi