Un incredibile sold-out per gli Hate my village al Locomotiv di Bologna

Un incredibile sold-out per gli Hate my village al Locomotiv di Bologna

In Italia si sentiva proprio la necessità di una ventata di aria fresca dal punto di vista musicale.

Se accendiamo la radio sentiamo tutte le canzoni uguali, con il solo scopo di far aumentare i like sui social degli artisti, tralasciando il vero senso della musica.

Per fortuna ci vengono il aiuto quattro musicisti che inseme hanno creato un progetto nato quasi per gioco che si chiama:  I Hate My Village.

Il gruppo p composto da  Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion), Fabio Rondanini (Afterhours, Calibro 35), fautori del progetto ed  Alberto Ferrari (Verdena) e Marco Fasolo (Jennifer Gentle).

Ad aprire il concerto del Locomotiv di Bologna c’è il chitarrista degli Aftherhours e Massimo Volume : Stefano Pilia.

La sua performance non dura molto, i suoni che provengono dalla sua chitarra e dai suoi innumerevoli effetti è molto particolare tra lo psichedelico e il soprannaturale.

Sono passate da poco le 22 che ecco salire sul palco gli hate my village.

Il Locomotiv è pienissimo di gente curiosa di vedere dal vivo questi musicisti.

Tra il folto pubblico si riconoscono anche membri di altre band, curiosi anche loro di vedere colleghi e amici suonare insieme sul palco.

Se si ascolta il disco si nota una forte somiglianza ai lavori dei Calibro 35.

Con l’innesto delle chitarre di Viterbini si entra di più in un sound quasi tribale come se i polizieschi sulla banda della Magliana si fossero tutto d’un tratto trasferiti nel deserto Africano.

Il chitarrista dei BSBE adoro questi ritmi visto che in passato ha collaborato con artisti come Bombino.

Presentiment è uno dei migliori brani del disco che precede Tramp che anche se al suo interno ha dei chiari riferimenti agli anni 80 sembra appena uscito dagli studi di Nashville della Thrid man record di Jack White.

Anche in Italia si può sperimentare dei suoni nuovi e gli Hate my village ne sono la conferma.

Acquaragia fa finalmente entrare la voce di Alberto Ferrari.

I suoni più gitani si hanno con brani con Fare un fuoco dove si fa fatica stare fermi con i ritmo incessante della chitarra di Viterbini e la batteria di Rondanini che ti prendono e non ti lasciano più.

Non solo suoni gitani in stile anni 80, ma anche dei bellissimi blues in chiave moderna in puro stile Dan Auerbach con Fame e soprattutto con il singolo Tony Hawk of Ghana.

La cover di Don’t stop til you get enough del Re del pop Michal Jackson anticipa la chiusura con un brano di uno dei tanti progetti paralleli di Viterbini ovvero Tubi innocenti.

Un po’ calibro 35 un po’ Black Keys e tanto Jack White si nasconde dietro questo meraviglioso progetto che una volta ascoltato dal vivo ti fa  apprezzare ancora di più su il disco.

Quello che doveva essere una jam session tra amici, è diventato un progetto molto interessante che forse rimarrà tale, ma in un panorama molto triste come quello della musica rock italiana, gli Hate my village sono riusciti nell’intento di pubblicare un disco diverso, innovativo e straordinario che sicuramente già a gennaio si può dichiarare come il disco rock italiano più bello del 2019.

SETLIST:

Presentiment

Tramp

Acquaragia

Fare un fuoco

I ate my village

Elvis

Fame

Bahum

Kennedy

Tony Hawk of Ghana

Encore:

Don’t stop til you get enough (Michael Jackson cover)

Tubi innocenti (Film o Sound)

Il mio consiglio è di segnarvi le prossime date per andare a supportarli : 

15 febbraio 2019 BRESCIA LATTERIA MOLLOY

16 febbraio 2019 PORDENONE CAPITOL

21 febbraio 2019RIVOLI (TO) CIRCOLO DELLA MUSICA

22 febbraio 2019 CARPI (MO)KALINKA

23 febbraio 2019 MONTEMARCIANO (AN) KLANG FESTIVAL

27 febbraio 2019 MILANO SANTERIA

01 marzo 2019 COSENZA MOOD SOCIAL CLUB

02 marzo 2019 NAPOLI GALLERIA 19

03 marzo 2019 COSENZA MOOD SOCIAL CLUB

22 marzo 2019 BERGAMO DRUSO

28 marzo 2019 GAMBETTOLA (FC) TREESSESSANTA

29 marzo 2019 L’AQUILABLISS

30 marzo 2019 BARI OFFICINA DELLE ARTI

31 marzo 2019 LECCE OFFICINE CANTELMO

20 aprile 2019 FOLIGNO (PG) SUPERSONIC

27 aprile 2019 GENOVA BALENA FESTIVAL

Un ringraziamento particolare al Locomotiv club per il gentile invito

Foto e testo di Carlo Vergani

I Hate my village

Stefano Pilia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi