La Recensione di Trust Fall (Side A) – Incubus

La Recensione di Trust Fall (Side A) – Incubus

Artista: Incubus
Titolo: Trust Fall (Side A)
Uscita: 19 Maggio 2015
Etichetta: Island Records
Singoli: Absolution Calling

incubus-trust-fall-side-a

Lo ammetto, quando nel 2011 uscì If Not Now, When? rimasi parecchio delusa: dove era finita tutta l’energia che tanto me li aveva fatti amare dal primo ascolto, da Make Yourself, Morning View fino al capolavoro A Crow Left Of The Murder?!? In realtà avevo pensato che fosse la naturale evoluzione del loro percorso artistico, mettendomi l’anima in pace.

E poi arriva questo Trust Fall (Side A), primo di due EP che la band rilascerà quest’anno. Le premesse erano già buone, da quando ho sentito il primo singolo Absolution Calling. Mi sono detta “sono tornati (e per davvero!)” ed oggi, dopo l’ascolto delle quattro tracce che compongono il disco, ne sono ancora più convinta. Le sonorità e l’energia sono quelle di 10-15 anni fa, con qualche piccola novità all’interno.

Ad aprire l’Ep è la titletrack Trust Fall, un vero gioiellino rock, impreziosito dai sempre stupendi arpeggi nati dalla mente del mai abbastanza elogiato Mike Eizinger, che diventa epico grazie ai soliti acuti limpidi di Brandon Boyd. Dalla forte impronta elettronica è Make Out Party che nasce dal finale di Trust Fall ed esplode nell’assolo di synth firmato da Chris Killmore.
La più radiofonica, e non a caso è stata scelta come singolo, è la terza traccia Absolution Calling, un crescendo di suoni ed emozioni, in cui a trionfare su tutti è la chitarra. Questo è forse il brano che più si ricollega agli Incubus del passato, ma senza mai distaccarsi troppo dal percorso più elettronico intrapreso dalla band di Calabasas.
A chiudere il cerchio è Dance Like You’re Dumb, altro pezzaccio dalla forte impronta rock in cui spicca la sezione ritmica, con un basso distorso in grado di travolgerti ed un finale che è un vero tripudio di suoni (e c’è anche spazio per un coro gospel – sì, avete capito bene!).

Ed ora, non vediamo l’ora di ascoltare il lato B.

Tracklist:
1. Trust Fall
2. Make Out Party
3. Absolution Calling
4. Dance Like You’re Dumb

Editor review

Summary

La recensione del nuovo EP firmato Incubus: Trust Fall (Side A).

You might also like

RECENSIONI

Aggressioni sonore e velocità, i Julian Mente pubblicano Non c’è Proprio Niente da Ridere

Artista: Julian Mente Album: Non c’è proprio niente da ridere Nuovo lavoro per i Julian Mente da Foligno, quartetto di chiara ispirazione post emocore che parte dalla verde terra umbra

RECENSIONI

Cercatori di se stessi: i Mòn escono allo scoperto con Zama

Artista: Mòn Album: Zama Etichetta: Urtovox Ufficio stampa: Unomundo Gente giovane, musica fine. I Mòn ​stravolgono movimenti e dimensioni musicali del nuovo millennio indie, promuovendo un insieme di sonorità fresche

ALBUM

Porcelain Raft, riconoscersi nella natura

Autore: Porcelain Raft Album: Microclimate Etichetta: Factory Flaws, Volcanic fields All’improvviso, con questo nuovo album, ci sono. Di cervelli in fuga e di Mauro Remiddi spero abbiate sentito parlare. Nascosto