Pistoia Blues si avvia alle battute finali con Tom Odell

Pistoia Blues si avvia alle battute finali con Tom Odell

Il Pistoia Blues continua a mietere serate di grande successo anche per questa edizione 2017. Ed anche ieri sera, non è certo stata da meno. Penultimo grande evento in programma della rassegna (che si concluderà questa sera con una serata dedicata al blues con Charlie Musselwhite, Fabio Treves e tanti altri grandi pionieri del genere) è stato il concerto del giovane cantautore britannico Tom Odell.

Questa data è l’unico appuntamento estivo in Italia per l’artista, che da diversi mesi sta girando il mondo per presentare l’ultima fatica discografica, l’album Wrong Crowd, secondo album in carriera per Odell uscito nel giugno dello scorso anno e trainato da Magnetized, dai ritmi pop incalzanti. In scaletta ci sono tutti i brani più amati dalla discografia del cantante, estratti anche dal disco di debutto Long Way Down, tra cui il singolo Another Love, certamente uno dei pezzi più apprezzati dall’audience.

Nel ringraziare Pistoia Blues e Davvero Comunicazione per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Ivan Elmi:

Tom Odell

Elya

Eman

 

Previous Partenza col botto per Moon&Stars con la festa di Macklemore & Ryan Lewis
Next Uno show da peso massimo della musica per Robbie Williams a Verona

You might also like

GALLERY

Chiusura in grande stile per Home Festival 2017 con The Libertines, Charlatans e London Grammar

Eh sì, siamo già arrivati all’ultimo giorno dell’Home Festival. Una giornata a dir poco emozionante che vede sui palchi del festival artisti di fama nazionale e/o internazionale come Marra/ Gue’,

REPORTAGE

L’Hiroshima onora Il Vile e i Marlene Kuntz con un sold out

Marlene Kuntz, Il Vile. Bastano queste poche parole per creare interesse e attesa nella scena alternative rock italiana. Dopo il successo del tour del 2014 per rendere omaggio a Catartica,

EVENTI

I-Days 4: Bieber e Bastille poca grinta e un po’ di delusione

Il quarto ed ultimo giorno degli I-Days a Monza vissuto su vari psicodrammi. Il primo è stato di tipo familiare: le ragazzine (meno che adolescenti) impazzite dal desiderio di vedere