L’hard rock dei The Pretty Reckless sul palco dell’Estragon di Bologna

L’hard rock dei The Pretty Reckless sul palco dell’Estragon di Bologna

Ancora carichi dallo show di Lady Gaga durante l’half-time del superbowl, ecco sbarcare in Italia una piccola Germanotta rock. Taylor Michel Momsen per chi non la conoscesse √® una attrice resa famosa da una serie tv per teenager che nel tempo libero si diletta a fare la modella e la rock-star con il suo gruppo i The Pretty Reckless.

Dal 2007 sono usciti tre album che hanno avuto un discreto successo, soprattutto per l’inserimento di alcuni brani in pellicole hollywoodiane. Ci sono molte aspettative dietro a questi due concerti di Bologna e Milano. L’attesa sui social √® incredibile. I VIP Pack sono andati a ruba e si prospettano due show incandescenti.

Ad aprire il concerto ci sono i The Cruel Knives , che con il loro pop rock riescono  a scaldare il pubblico, che non vede l’ora di poter ammirare i propri idoli dal vivo. I musicisti si muovono per tutto il palco con molta disinvoltura, soprattutto il chitarrista Sid Glover e il cantante Tom Harris, facendo impazzire il pubblico con le loro canzoni allegre e orecchiabili.

Sono appena passate le 21 quando le campane dell’intro di hells bells degli AC/DC introducono Taylor e la sua band sul palco dell’Estragon di Bologna. Con Follow Me Down Il gruppo attira subito l’attenzione del pubblico presente, grazie soprattutto alla voce di Taylor, che sul palco sopratutto all’inizio evita quasi di farsi vedere in viso lasciando parlare soprattutto la sua voce.

Una specie di paladina dark del nuovo millennio che con brani come Oh My God e Hangman riesce a farsi apprezzare da tutti i presenti giovani e meno giovani. Con il brano My Medicine Taylor si mette a suonare la chitarra accompagnando il bravissimo Ben Phillips  che con Jamie Perkins alla batteria e Mark Damon al basso, rappresentano un terzetto perfetta per tenere testa al carisma di Taylor.

Siamo a met√† del concerto, Taylor si toglie il cappotto di pelle in stile “il Corvo” mostrando un castissimo vestito nero. Il concerto prosegue in modo energico fino a quando vi una piccola pausa prima di presentare la title track del loro ultimo disco Who You Selling For. Non solo rock , ma anche ballad malinconiche e pezzi funky che anticipano la famosissima Take Me Down. L’encore √® il brano Fucked Up World intramezzato da un drum solo di Jamie Perkins .

In sostanza la voce di Taylor anche dal vivo è molto potente e sicuramente il fatto di farsi accompagnare da tre musicisti molto validi è una fattore molto positivo per il proseguo della loro carriera.

Un ringraziamento particolare a Vertigo per l’invito

Foto di Ivan Elmi e testo di Carlo Vergani

Setlist:
Follow Me Down
Since You’re Gone
Oh My God
Hangman
Make Me Wanna Die
My Medicine
Prisoner
Sweet Things
Light Me Up
Who You Selling For
Just Tonight
Living in the Storm
Heaven Knows
Going to Hell
Take Me Down
Encore:
Fucked Up World
(with drum solo)

The Pretty Reckless

The Cruel Knives

You might also like

REPORTAGE

Al Pistoia Blues protagonista l’hammond di Brian Auger e James Taylor

Prosegue, dopo Mika e la serata dedicata al Blues Made in Italy, il Pistoia Blues che anche quest’anno porta sul palco installato in Piazza Duomo il meglio della musica italiana

REPORTAGE

Il viaggio nelle tradizioni celtiche di Loreena McKennit a Milano

√ą conosciuta come un’icona della musica celtica, per avere eseguito brani tradizionali come, tra gli altri, Blacksmith e She Moves Through The Fair. Ha venduto nel corso della sua carriera

GALLERY

Grande energia al Magnolia per i Pain Of Salvation

I Pain Of Salvation sono approdati ieri sera – 13 Dicembre – al Circolo Magnolia di Segrate (MI) per uno show infuocato, in cui hanno fatto sfoggio del loro vasto