Il 45° Nord Entertainment Center balla a ritmo dei The Kolors

Il 45° Nord Entertainment Center balla a ritmo dei The Kolors

Erano tantissimi giovani, ieri 6 settembre al centro commerciale 45° Nord Entertainment Center di Moncalieri per l’esordio del nuovo festival Arena 45
Sul palco, sono saliti i giovani The Kolors saliti alla ribalta grazie al talent Amici. 
Il trio napoletano, ha messo in piedi un bello show sia musicale che visivo, la band dal lato tecnico (dal punto di vista musicale) si è dimostrata veramente di altissimo livello, sopratutto grazie alle “schitarrate” di Antonio Stash Fiordispino, che da protagonista assoluto dello show, si è dimostrato anche un gran front man. 

In apertura, ampio spazio alla musica emergente, grazie al Fiat Music a cura di Red Ronnie. Il noto produttore e critico musicale ha selezionato personalmente le band che hanno suonato prima dei The Kolors. Sul palco in ordine sono saliti Gionathan & The Groovers, Gabriel, Andrea Marzolla (musicalmente la cosa più interessante della serata, un rock n’roll/blues molto piacevole, che richiama Edoardo Bennato), The Nameless (giovanissimi, con un sound ispirato ai Green Day), Francesco Bonanno e infine Noe (cantautrice torinese, che ricorda tanto un’altra cantautrice torinese: Levante).

 

Nel ringraziare il 45° Nord Entertainment Center per il gentilissimo invito, vi lasciamo alle photogallery a cura di Alberto Gandolfo

The Kolors: 

Red Ronnie Fiat Music:

You might also like

GALLERY

Paola Turci all’Auditorium La Verdi di Milano

Paola Turci è tornata. Dopo l’ottima accoglienza ricevuta a Roma e in altre città d’Italia, Il Secondo Cuore Tour è approdato ieri sera a Milano, all’Auditorium La Verdi, deliziando con

REPORTAGE

La musica protagonista degli Invictus Games di Orlando (Florida)

Si sono svolti ad Orlando, in Florida dall’8 al 12 maggio scorso gli Invictus Games, ovvero le paraolimpiadi Militari. Anche l’Italia ha partecipato portando a seguito una trentina di atleti

GALLERY

Fedez & J-Ax: La carica dei 20mila a Ritmika

Non c’è molto da commentare: quando un concerto raccoglie così tanti spettatori, resta soltanto da togliersi il cappello ed inchinarsi agli artisti che si stanno esibendo. Siamo d’accordo, lo show