Sting: 35 anni di grande musica in scena a Firenze

Sting: 35 anni di grande musica in scena a Firenze

Dopo il successo del concerto di Roma, prosegue il mini tour italiano di Sting, con la data di ieri sera – 28 luglio 2016 -all’Ippodromo del Visarno, presso il Parco delle Cascine di Firenze. Stasera poi, il leggendario bassista dei Police, chiuderà questa tranche italiana a Milano, alla Summer Arena.

Questi tre concerti sono parte del suo Back To Bass Tour 2016, che l’ha portato in Europa dopo la straordinaria tournèè americana al fianco di Peter Gabriel. E proprio questa collaborazione con Gabriel ha segnato la scaletta presentata ieri sera, che includeva – oltre ovviamente ai suoi più grandi successi da solista e con i Police – anche alcuni brani del ex Genesis, come Shock The Monkey.

Questa la scaletta proposta:
Every Breath You Take
If I Ever Lose My Faith in You
Mad About You
Driven to Tears
Shock the Monkey
Invisible Sun
Message in a Bottle
Fields of Gold
The Hounds of Winter
So Lonely
When the World Is Running Down, You Make the Best of What’s Still Around
Something the Boy Said
Heavy Cloud No Rain
Shape of My Heart
Englishman in New York
Every Little Thing She Does Is Magic
Roxanne
Desert Rose
Fragile
Next to You
King Of Pain

Nel ringraziare Marco Mannucci e Live Nation per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Ivan Elmi:

You might also like

REPORTAGE

Atmosfere rockabilly al Blue Note di Milano con Matthew Lee

Cantante, compositore e pianista, con un background fatto di studi classici e di amore per il rock’n’roll anni ’50: Matthew Lee, all’anagrafe Matteo Orizi, è pesarese. La stampa internazionale l’ha

REPORTAGE

Il Viaggio Incredibile di Enrico Ruggeri approda a Bergamo

E’ approdato ieri sera al Creberg Teatro di Bergamo, il nuovo tour di Enrico Ruggeri, forte del successo ottenuto all’ultimo Festival di Sanremo, dove ha partecipato con il brano Il

JAZZ

Tre sere di sold out al Blue Note per Billy Cobham

Riconosciuto come il più importante batterista jazz-fusion per la sua potenza e tecnica percussiva, Billy Cobham ha raggiunto l’apice della fama a metà degli anni Settanta divenendo uno dei batteristi