Al Mirano Summer Festival protagonista la musica degli Stadio

Al Mirano Summer Festival protagonista la musica degli Stadio

Perche’ gli Stadio non hanno bisogno di presentazioni… da anni ormai nel panorama musicale italiano continuano i loro tour ovunque, ed ovunque vadano la gente li segue.

Ieri sera superospiti al Mirano summer festival hanno cantato le migliori hit, dalla stupenda Acqua e Sapone a Ballando al buio, passando per Chiedi chi erano i Beatles alla magnifica Miss Nostalgia. E la nostalgia ti viene pensando per quanti anni le hai ascoltate e per quanti le ascolterai ancora senza mai stancarti. Dopo qualche pezzo, Gaetano Curreri leader e cantante del gruppo si e’ fermato un attimo per ricordare cosa era successo la sera prima a Nizza, un discorso di cinque minuti finito con uno scroscio di applausi. #prayforNice

Gli Stadio non sono un semplice gruppo, ma una vera e proprio leggenda, e sulle note di …e mi alzo sui pedali, dedicata a Marco Pantani non può’ che non scenderti una lacrima.

Insomma un concerto degli Stadio lo si vive dalla prima all’ultima nota , e si va via con il cuore in mano pensando a quando sarà’ il prossimo loro liveshow.

Un ringraziamento a Mirano Summer festival & all’Associazione Volare per la disponibilità accordataci.

Testo a cura di Martina De Angeli – Foto a cura di Denis Ulliana

Previous Ian Anderson: grande attesa al Festival di Villa Arconati
Next La positività di Frank Turner illumina il palco di La spezia

You might also like

REPORTAGE

Il pianoforte di Tori Amos ammalia il Teatro degli Arcimboldi

Tori Amos è tornata in Italia per presentare al pubblico la sua quindicesima fatica in studio, l’album Native Invader, uscito solo qualche settimana fa. Ieri sera, ad attenderla, la cantautrice

REPORTAGE

I Dark Funeral al Legend Club per presentare il nuovo album!

Gli svedesi Dark Funeral, padrini del black metal, approdano al Legend Club di Milano per presentare la loro ultima fatica discografica Where Shadows Forever Reign. Sono infatti sei le canzoni tratte

JAZZ

Grande energia al Blue Note di Milano con Peter Cincotti

Pianista e cantante, dalle lontane origini italiche ma di fatto Newyorkese, ha costruito la sua credibilita sin dall’esordio discografico (2003) che lo fece diventare il più giovane musicista della storia