Gli Slaves hanno infiammato il palco del Zona Roveri di Bologna

Gli Slaves hanno infiammato il palco del Zona Roveri di Bologna

La garage/punk rock band inglese originaria del Kent arriva in Italia per la prima volta da headliner per un unico appuntamento stasera a Bologna.

Dopo averli visti di spalla nelle date europee delle ultime date dei Kasabian , il duo proveniente dal regno unito è qui al Zona Roveri in occasione del tour promozionale del loro ultimo album  Acts Of Fear And Love.

Ad aprire il loro concerto ci sono i nostrani Submeet.

i Submeet sono una band proveniente da una città paludosa e oscura del nord Italia .

Il loro sound è un mix del post punk moderno con sonorità anni 80/90.

Nel 2017 hanno pubblicato il loro primo omonimo  disco, registrato, mixato e prodotto da Federico Grella e sono di supporto agli Slaves per farci ascoltare proprio questi pezzi nuovi.

Di fronte a neanche 100 paganti ecco salire il power duo britannico.

Alla domanda perchè siete solo in due, loro rispondono semplicemente che nessuno vuole suonare con loro .

La risposta è più che azzeccata perchè solo un due fanno un casino infernale.

Laurie Vincent e Isaac Holman  sono veramente una forza della natura.

Isaac distrugge la batteria, mentre Laurie si diletta tra basso e chitarra elettrica .

Tutte i brani sono energici, non si hanno veramente momenti di pausa, Magnolia e la straordinaria Cheer Up London fanno letteralmente impazzire il pubblico con mosh pit continui con Laurie che viene anche nel pit a suonare la chitarra.

Chokehold è una mazzata nello stomaco, ha semplici giri di chitarra che ti esplodono dentro. 

The Hunter è l’ultima perla che strizza l’occhiolino ai primi kasabian ma al triplo della velocità.

Ritimo, allegria, coinvolgimento e pazzia rendono questi 55 minuti scarsi di esibizione uno degli show più incisivi che io abbia visto nel 2018.

Sicuramente è uno dei migliori gruppi della nuova generazione e penso proprio che sono sulla rampa di lancio per diventare una delle migliori band del Regno Unito.

SETLIST:

Sockets

Bugs

Magnolia

Fuck the Hi-Hat

Live Like an Animal

Cheer Up London

The Lives They Wish They Had

Cut and Run

Where’s Your Car Debbie?

Chokehold

Photo Opportunity

Sugar Coated Bitter Truth

Beauty Quest

The Hunter

Un ringraziamento particolare ad Hellfire booking per il gentile invito

Foto e testo di Carlo Vergani 

Slaves

Submeet

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi