Simple Minds e KT Tunstall alla conquista del teatro Colosseo

Simple Minds e KT Tunstall alla conquista del teatro Colosseo

Torino, 21 aprile 2017 ore 20,30, in un Teatro Colosseo ancora abbastanza vuoto, entra a sorpresa sul palco il leader dei Simple Minds Jim Kerr. Il cantante scozzese esordisce parlando perfettamente in italiano «Buonasera Torino, tutto bene? Oggi è la prima data del nostro tour (completamente unplugged,ndr) italiano e siamo contenti di essere qua a Torino, sono tanti anni che non suoniamo così in centro città (i Simple Minds suonarono due anni fa al Gru Village di Grugliasco, ndr) vero?» Qualcuno in sala, ricorda a Kerr i concerti (e rispettivi anni) del Pala Ruffini (1980) e al parco della Pellarina (1989), Kerr sorride e sempre in italiano esordisce con un «Minchia, quanto tempo!» (scatenando le risate del poco pubblico presente,ndr). Kerr continua il suo discorso in italiano «Questa sera, abbiamo una special-guest prima dei Simple Minds, ecco a voi la nostra grande amica Kate Victoria “KT” Tunstall che suonerà per mezz’ora».

La bella cantautrice scozzese, si presenta sul palco munita solo di chitarra e loop machine, la sua mezz’ora di concerto vola: tra pezzi dal nuovo disco, il singolo che l’ha resa famosa a livello mondiale Black Horse and the Cherry Tree e alcuni elogi alla città di Torino, in modo particolare al museo egizio.

Alle 21,10 si spengono le luci in sala e sul palco arrivano i Simple Minds, l’allestimento del palco mette la band in secondo piano, lasciando a Jim Kerr il ruolo di mattatore assoluto.
La scaletta prevede solo grandi classici della band rivisti in chiave unplugged, l’esperimento è riuscito e sin dal primo brano: molti spettatori, nonostante si trattasse di un teatro, si alzano in piedi per ballare con uno scatenato Kerr che sul palco non si risparmia: con balletti, salti e corse sul palco. Su Glittering Prize, terzo brano in scaletta, Kerr decide persino di scendere giù dal palco e di andare a cantare in mezzo al pubblico, andando a stringere la mano e ad abbracciare i fan in platea. La scaletta prosegue con grandi classici come Stand By Love, Don’t You (Forget About Me) e l’immancabile Alive and kicking usata come brano conclusivo.

Prossime date Italiane:
22 aprile Ancona, Teatro delle Muse
23 aprile Roma, Auditorium Conciliazione
25 aprile Bologna, Teatro Manzoni
26 aprile Firenze, Teatro Verdi
27 aprile Milano, Teatro degli Arcimboldi

Ringraziando Indipendente Concerti e il Teatro Colosseo per il gentile invito vi lasciamo alle photogallery a cura di Alberto Gandolfo:  

Simple Minds:

Kate Victoria “KT” Tunstall

Previous Dutch Nazari, cuore rap per salvare le anime
Next L'esplosivo show degli Hatebreed a Bologna

You might also like

GALLERY

The Gift: il vero regalo è stato conoscerli dal vivo

A volte è strano come certi gruppi pure avendo tutte le carte in regola per vendere ed essere famosi, abbiano difficoltà a superare i confini nazionali soprattutto se non appartengono

GALLERY

La macchina del tempo in stile punk dei Me First and The Gimme Gimmes fa tappa a Cesena

La all star cover band più famosa al mondo, al cui interno militano soggetti del calibro di Fat Mike dei NOFX e Joey Cape e Dave Raun dei Lagwagon è pronta ad affrontare un

REPORTAGE

Bandabardò alla Latteria Molloy: la musica dalla A alla Z

Con all’attivo oltre 1400 concerti, praticamente sempre sold out e ben 13 album, la Bandabardò non ha certo bisogno di presentazioni. Così lontani dal music business e così vicini alla