Shawn Mendes: quel bravo ragazzo che piace a tutti

Shawn Mendes: quel bravo ragazzo che piace a tutti

In un panorama musicale che spesso premia artisti che trasmettono ai giovani messaggi poco edificanti, Shawn Mendes è la classica pecora nera. Con quella faccia da bravo ragazzo, sempre sorridente e mai banale, mette d’accordo mamme e figlie. 

Ce ne siamo resi conto al Pala Alpitour di Torino, dove l’artista canadese si è esibito domenica 24 marzo. L’impianto era gremito in ogni ordine di posti e raramente l’abbiamo sentito pulsare di passione come in questa occasione. Una marea di giovani fan impazzite ha cantato a squarciagola, coprendo talvolta la voce del loro beniamino.

Bellissima la produzione, che ricalca i grandi concerti internazionali. Ogni spettatore è parte integrante della scenografia, grazie ad un braccialetto led, comandato dalla regia, che si illumina al ritmo della musica. Lo show è suddiviso su due palchi. Il main stage è sovrastato da un mega schermo circolare, che ricorda quello arcifamoso dei Pink Floyd, mentre il secondo stage, posto nei pressi del mixer, è di forma circolare, su cui è installata un’enorme rosa.

Già proprio la rosa è il tema dello spettacolo. Gli spettatori delle tre file della platea, che avevano il permesso di poter restare ai piedi del palco, avevano in mano per l’appunto una rosa, da dedicare al giovane artista. 

Che dire dello spettacolo. Bello e coinvolgente, anche per chi conosce poco Mendes. Tanto per rompere il ghiaccio ha snocciolato le hit più famose alle nostre latitudini (Lost in Japan e There’s Nothing Holdin’ Me Back) subito in apertura, ma dobbiamo dire che tutto il repertorio è gradevole, sia che si tratti di brani danzerecci o di ballate unplugged al pianoforte.

Il giovane artista dimostra di essere davvero completo. Suona la chitarra, il pianoforte, canta, balla e ammicca. Insomma ha tutte le carte per diventare (ma in fondo già lo è) una delle star internazionale dei prossimi anni. La grande difficoltà sarà, come spesso accade con musicisti così giovani, il ricambio generazionale. Quando le adolescenti che lo adorano diventeranno adulte, riuscirà a creare nuovi fan o dovrà adattare il suo repertorio che via via diventerà più maturo? Lo scopriremo molto presto.

Intanto, nel ringraziare D’Alessandro e Galli per l’invito, vi ricordiamo la scaletta ufficiale trasmessa dall’ufficio stampa.

Foto e Testo di Vincenzo Nicolello

Lost in Japan

There’s Nothing Holdin’ Me Back

Nervous

Stitches

I Know What You Did Las Summer

Bad Reputation

Never Be Alone

Life of the Party

When You’re Ready

Like to Be You

Ruin

Treat You Better

Particular Taste

Where Were You In The Morning?

Fallin’ All in You

Youth

Why

Mercy

Fix (Coldplay cover)

In My Blood

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi