Sanremo 2018: i voti della prima serata

Sanremo 2018: i voti della prima serata

Non è certo la prima impressione quella che conta, ma un’idea di questo Sanremo targato Claudio Baglioni ce la siamo fatta. L’aura autarchica e di restaurazione che si è respirata all’Ariston da un lato ci ha riportato in quella zona di confort che solo il Festival dei Fiori ci riesce a dare, ma dall’altra ci ha imposto un interrogativo: come arriveremo fino a sabato sera?

Intanto proviamo a dare le pagelle della serata, partendo dai presentatori e proseguendo per 20 brani presentati dai big.

Claudio Baglioni: voto 4. Basta fare un giro in rete per capire che è l’uomo sbagliato al posto sbagliato. Il complimento migliore è stato paragonarlo a Ridge di Beautiful, ma c’è chi ha preferito invece assimilarlo a Ken. Quanto a plastica, in effetti ci siamo. Sul palco ha provato ad essere simpatico, ma davvero ci ha fatto rimpiangere Pippo Baudo (ed anche Fabio Fazio).

Pierfrancesco Favino: voto 6. Diciamo che si è sforzato di fare qualcosa di alternativo, muovendosi purtroppo nei compassati paletti del copione. Carina la gag sulla rivalità con Michelle Hunziker, ma niente di più.

Michelle Hunziker: voto 6,5. La simpatica bionda elvetica riesce a dare una ventata di freschezza. Si muove sul palco e appare spigliata nel ruolo mai banale di presentare il Festival. Speriamo in lei per sopravvivere.

Le canzoni:

Annalisa voto 5. L’ultimo singolo ancora in rotazione in radio ci aveva lasciato immaginare in una svolta. Purtroppo non è così. Crediamo che l’artista ligure sia ancora alla ricerca di una vera identità.

Ron voto 6. Purtroppo è lui ad aprire la lunga serie di esibizioni di cantanti rispolverati in occasione del festival. Lui punta su Lucio Dalla e forse questa scommessa gli regalerà qualche onore da parte della critica.

The Kolors: voto 6. L’operazione giovani ha vissuto anche su questa boyband che dopo aver ballato per un’intera estate con il singolo di lancio, ripreso anche da una compagnia telefonica, è caduta nell’oblio. Senza infamia e senza lode.

Max Gazzè: voto 7. Non vincerà mai Sanremo, ma se non altro di sforza di essere simpatico e di presentare qualcosa di alternativo. Questa volta siamo piombati negli anni ’80 in pieno delirio prog. Niente male.

Vanoni, Bungaro, Pacifico: voto 6. Chiamiamola operazione sanremese. Prendi tre artisti, distanti anni luce e mettili insieme sul palco. Ne esce un’esibizione che sarà ricordata giusto per un mese e poi svanirà.

Ermal Meta e Fabrizio Moro: voto 6.5. Vedi sopra. I due cantautori hanno scelto un improbabile duetto che non andrà da nessuna parte, ma probabilmente sarà sufficiente per alzare il trofeo dei vincitori.

Mario Biondi: voto 4. Non ci siamo. Il gigante soul lo vediamo bene al Blue Note, magari proponendo brani in inglese. Con Sanremo non ci azzecca. Ci spiace ma è così.

Roby Facchinetti e Riccardo Fogli: voto 4. Per dirla alla Master chef. Questa reunion deframmentata dei Pooh proprio non la capiamo. I “belli e cofanati” dovevano accontentarsi del tour d’addio e vivere di ricordi.

Lo Stato Sociale: voto 6. Periodicamente sul palco dell’Ariston arriva una ventata di indie. Questa volta è toccato ai giovani bolognesi, sparigliare le carte del “sole, cuore, amore”. Simpatici, non c’è che dire. Il loro brano sfonderà in radio. Ma saranno ricordati per la vecchietta. Scommettiamo?

Noemi: voto 5. Non ci siamo o almeno non ci è piaciuto il suo approccio sanremese. Ci piacerebbe vederla più graffiante ed aggressiva. Magari il disco ci racconterà qualcosa di più.

Elio e le Storie Tese: voto 4. Ma non si erano sciolti? Non avevano celebrato il loro funerale? Questa messa di trigesima ha sancito che la genialità di Stefano e company è andata definitivamente in soffitta.

Caccamo: voto 6. Lui Sanremo l’ha già vinto ed in fondo è il volto perfetto per quel palco. Faccia pulita, compassata, brano ordinario. Questa è la musica italiana (ma di qualche lustro fa).

Red Canzian: voto 5. Cosa possiamo aggiungere alla stroncatura della “Pooh reunion”? Ma davvero ce n’era bisogno? (domanda retorica).

Luca Barbarossa: Voto 6. Se n’è andato Lando Fiorini ed ecco arrivare Barbarossa. Se non fosse a Sanremo per presentare, ci aspetteremmo un duetto con Baglioni, magari cantando “Porta portese”.

Diodato e Roy Paci: voto 7. I book maker li danno ultimi e forse avranno pure ragione. Ma noi pensiamo che la loro esibizione sia tra le più credibili dell’intero lotto.

Nina Zilli: voto 6. Se non altro è piacevole a vedersi. Il brano ha pretese di impegno, ma musicalmente convince pochino.

Renzo Rubino: voto 6. Il cantante pugliese si era preso una pausa di riflessione. E’ sicuramente simpatico, ma crediamo che la sua vera essenza sia il pianobar.

Enzo Avitabile e Peppe Servillo: voto 6. Napoli è servita. Nella città all’ombra del Vesuvio la vita è difficile. Un testo forse un po’ scontato, ma valorizzato dalle doti interpretative (o recitative dei due).

Le Vibrazioni: voto 5. Un’altra reunion che forse non andrà da nessuna parte. L’unico merito di Sarcina e compagni è di aver provato a portare un po’ di sano rock sul palco. Ma non pensiamo che finirà in gloria

Decibel: voto 6. Il tour dell’anno scorso ha riportato in auge quel piccolo mito punk elettronico che erano i Decibel. Il brano è un po’ troppo lento, troppo ruggeriano. Ma di questi tempi bisogna sapersi accontentare.

Testo a cura di Vincenzo Nicolello

Di seguito alcuni scatti della serata per gentile concessione di Carlo Capodanno, che ringraziamo:

Previous Il set acustico di Jake Bugg ammalia il pubblico milanese
Next Il 2 Marzo arriva Lucio!, l'omaggio in musica di Ron a Dalla

You might also like

REPORTAGE

Esplosione di energia all’Alcatraz con gli Asking Alexandria

Sono approdati ieri sera all’Alcatraz di Milano gli Asking Alexandria, la band britannica originaria di York, che sta promuovendo l’ultimo disco in studio, uscito a Marzo 2016, The Black. Ad

GALLERY

Il fenomeno Against the Current al circolo Magnolia di Milano

Gli statunitensi Against the Current per la prima volta in Italia per un unico appuntamento live ieri sera al Circolo Magnolia di Segrate (MI). Giovanissimi, carichissimi, hanno proposto un mix

GALLERY

Samuel torna a casa e regala un magico show al Flowers Festival

Prosegue con grande successo l’edizione 2017 del Flowers Festival, che anche quest’estate porterà a Collegno il meglio della musica italiana ed internazionale.  Ieri sera, a calcare il palco immerso nel