Samuel torna a casa e regala un magico show al Flowers Festival

Samuel torna a casa e regala un magico show al Flowers Festival

Prosegue con grande successo l’edizione 2017 del Flowers Festival, che anche quest’estate porterà a Collegno il meglio della musica italiana ed internazionale. 
Ieri sera, a calcare il palco immerso nel Parco della Certosa, è stato il turno di Samuel, forte del successo del suo nuovo progetto solista, che l’ha visto abbandonare per un po’ il ruolo di frontman dei Subsonica per immergersi in una realtà più intima ma senza mai abbandonare la sua indole sperimentale.

Ad aprire la serata, il progetto LIM, che inaugura la carriera solista di Sofia Gallotti – precedentemente negli Iori’s Eyes – con il produttore Riva. LIM presenta al pubblico il nuovo EP Comet, caratterizzato da una vena ambient evocativa, che combina spazi esoterici con atmosfere esistenzialiste e sognanti e che, con l’ausilio di vocals eterei che ponderano la cassa drammatica.

Un ottimo avvio prima dell’arrivo dell’headliner Samuel, che presenta l’album di grande successo Il Codice Della Bellezza, che svela uno stile che nel live viene esaltato mettendo in mostra le sue doti inaspettate di polistrumentista di tutto valore. La scenografia è davvero minimal, sul palco svettano solo tre pedane circolari su cui vengono poste batteria, tastiere/sequencer e pianoforte.
Samuel sembra davvero a proprio agio, dopotutto gioca in casa stasera e la serata è stata “costruita” su misura per lui. I brani più amati dal pubblico sono anche quelli che abbiamo sentito in radio in questi ultimi mesi: dal sanremese Vedrai, passando per La Risposta, Rabbia e l’ultimo ritmato singolo La Statua della Mia Libertà.
C’è spazio anche per qualche brano dei Subsonica, che rimangono comunque un punto fermo nel percorso artistico di Samuel, e qualche cover. 

Nel ringraziare Flowers Festival per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Alberto Gandolfo:

Samuel: 

 

LIM:

Previous Samuele Bersani al Parco Tittoni di Desio!
Next Poesia e magia al Carroponte con Ermal Meta

You might also like

RECENSIONI

L’Officina della Camomilla, rinascere indie pop per essere se stessi

Uno show acustico, per terminare la propria stagione giocando in casa nella propria Milano. L’Officina della Camomilla esce allo scoperto abbracciando chitarre allo zucchero filato e cori che l’Acatraz con

RECENSIONI

L’home-made metaller Fleshgod Apocalypse al Druso di Ranica

Da quando hanno pubblicato il loro ultimo lavoro in studio King per Nuclear Blast lo scorso febbraio, i Fleshgod Apocalypse hanno iniziato un estenuante tour promozionale che, oltre ad averli portati

REPORTAGE

I Lacuna Coil chiudono con il botto il loro tour mondiale

E’ sempre un piacere andare a rivedere a distanza di pochi mesi una delle migliori rock band italiane: i Lacuna Coil. Cristina Scabbia e Andrea Ferro e Marco Coti Zelati