Intervista a Salvo Castagna: in Primavera Mai canto l’amore

Intervista a Salvo Castagna: in Primavera Mai canto l’amore

E’ uscito da qualche settimana Primavera Mai, il nuovo singolo del cantautore siciliano Salvo Castagna, che arriva dopo l’ottima accoglienza ricevuta dal suo disco di debutto I Nostri Sbagli e l’EP Un Destino Sbagliato, usciti entrambi lo scorso anno. Attualmente l’artista è al lavoro sul secondo disco che uscirĂ  per l’etichetta Sarò Libera, fondata da Carlo Rizioli.
Ma conosciamo meglio Salvo Castagna..

D: Ciao Salvo e grazie per la disponibilitĂ . Partiamo subito parlando del tuo nuovo singolo Primavera Mai, uscito qualche giorno fa, che è una vera e propria metafora sull’amore tormentato. Ci puoi dire qualcosa in piĂą?
R: “Ciao. Grazie a te. Primavera mai è la storia di due persone che per un motivo o per un altro fanno fatica ad avere una stabilitĂ , come se la primavera fosse sempre alle porte senza mai arrivare. Credi sia qualcosa che anche in parte tutti abbiamo vissuto, prima o poi”.

D: Primavera Mai è un piccolo assaggio di quello che sarĂ  il tuo secondo disco solista. Oltre al tema dell’amore, quali saranno le tematiche affrontate nel disco?
R: “L’amore è la cosa piĂą bella da cantare; posso dirti che un brano in particolare sarĂ  dedicato ad una delle mie figlie, sempre d’amore si tratta ovviamente”.

D: E’ d’obbligo fare un paragone con il tuo primo album, I Nostri Sbagli, uscito lo scorso anno. In cosa si differenzierĂ  questo nuovo lavoro?
R: “I nostri sbagli per me è un album molto importante, è il mio primo lavoro, ed è come il primo amore, indimenticabile.
Il mio nuovo lavoro è qualcosa di piĂą maturo, stiamo lavorando sempre di piĂą sui dettagli, ho piĂą esperienza in studio adesso, so come muovermi, so quello che voglio e come lo voglio cantare”.

D: Ho letto che uno dei tuoi progetti per il futuro è quello di partecipare al Festival di Sanremo, pensi che sia giunta l’ora di darsi in pasto al grande pubblico? PerchĂ© proprio ora e non prima?
R: “Si, penso che ora piĂą che mai sia il momento giusto per riprovarci. Ci ho giĂ  tentato in passato, Vivimi Semplicemente era candidata per Sanremo 2016 ma venne scartata. Si chiamava Semplicemente allora, il giorno in cui, in tv, vennero annunciati i brani che avrebbero partecipato al festival, mi venne un colpo quando sentii dire ‘Semplicemente’ a Carlo Conti, dopo qualche secondo aggiunse: ‘cantata da Morgan e i Bluvertigo’. Sogno svanito in un attimo. Forse non era ancora il momento giusto”.

D: Nonostante tu abbia pubblicato un solo album, bazzichi nel mondo della musica da diverso tempo… Suonavi in una band, se non sbaglio. Qual è stata la svolta che ti ha fatto decidere di proseguire il percorso artistico da solo?
R: “Ho pubblicato un album e un EP ‘Un destino sbagliato’. Ho deciso di proseguire da solo senza la band perchĂ© facevamo tributi a Baglioni, del quale sono un fan, ed io volevo cantare qualcosa di mio. Attualmente suonano con me degli altri ragazzi nel video di ‘Primavera mai’ sono presenti anche loro”.

D: In passato hai collaborato con artisti del calibro di Paolo Vallesi e Francesco Baccini. Come è avvenuto l’incontro con loro e come sono nate queste collaborazioni?
R: “Ho conosciuto Paolo ad uno dei concerti di beneficenza che ho organizzato, siamo diventati amici e lui ha deciso di darmi una mano, abbiamo scritto ‘Due Bandiere al Vento’ e da li, credo tu sappia come è andata. Francesco, stessa cosa, ci siamo incontrati per la prima volta ad un concerto di beneficenza e da li, amici!”

D: In questi giorni, dopo l’abbandono di Morgan ad Amici, si sta discutendo molto dei talent show, tu cosa ne pensi? Hai mai pensato di parteciparvi?
R: “Penso che i talent show riscuotano successo perchĂ© sono confezionati in modo da dare allo spettatore la sensazione che chiunque, con un minimo di capacitĂ  può avere successo, facendo musica, ballando, recitando… in realtĂ  non è esattamente così. Devi essere bravo, devi aver qualcosa da dire, altrimenti sei solo un fuoco di paglia. Finito il talent finisce la carriera (nella maggior parte dei casi è così). Poco dopo l’uscita di ‘Due bandiere al vento’ mi proposero di partecipare a The Voice of Italy, Paolo me lo sconsiglio vivamente, uno dei consigli migliori che potesse darmi”.

D: Sul fronte live, hai in programma qualche esibizione in cui potremo vederti dal vivo?
R: “Ci stiamo lavorando e spero di darvi riposte piĂą dettagliate in merito, quanto prima”.

Un ringraziamento particolare ed un grosso in bocca al lupo a Salvo Castagna per i suoi progetti, ed ovviamente anche a Giulia di Parole & Dintorni.

Intervista a cura di Claudia Favalli

You might also like

INTERVISTE

Intervista a Birthh, l’oscurità che diviene bellezza

Mi imbatto in Birthh durante UnAltroFestival lo scorso settembre, salvo poi ritrovare questa intensa creatura musicale durante le giornate del Linecheck Music Festival, quando capisco che sarebbe un oltraggio non

EVENTI

Sanremo: il metodo Acapulco degli Eli!

Primo appuntamento in sala stampa dell’Ariston. Sul palco sono arrivati gli Elio e le Storie Tese, per raccontare la loro nuova esperienza sanremese. Il look anni ’80 lascia trasparire la

INTERVISTE

Ex-Otago: un successo partito da Marassi e raggiunto a colpi di pop-popolare

Gli Ex-Otago si formano a Genova nel 2002 come trio acustico composto da Maurizio Carucci, Alberto “Pernazza” Argentesi e Simone Bertuccini. Nel 2004 si unisce al gruppo il batterista Simone