Dalla Siberia all’Italia, Sainkho Namtchylak conquista Milano

Dalla Siberia all’Italia, Sainkho Namtchylak conquista Milano

Ieri sera, 2 febbraio 2016, il Teatro dell’Arte di Milano ha ospitato il concerto della cantante russa Sainkho Namtchylak, che ha presentato i brani del suo ultimo album Like A Bird Or Spirit, Not A Face.

Con lei sul palco Sanou Ag Ahmed (Chitarra), Liya Ag Ablil ‘Diara’ (Percussioni) e Danilo Gallo (Basso).
Oltre all’ultima fatica in studio, la leggendaria voce della Siberia ha proposto un repertorio molto vario, tratto dalla decina di album in studio all’attivo. Le canzoni sono cantate in lingua Tuva, Russa e Inglese, con un sound che spazia dal punk-rock della steppa ad affascinanti suoni ripetitivi e dilatati offrendoci anche ballate dal tono epico.

Nel ringraziare Ponderosa Music & ArtCRT Milano per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Romano Nunziato:

Previous Slipknot: il racconto e le foto del concerto di Padova
Next Dance Directory 2016: disponibile come e-book

Editor review

Summary

Ieri sera il Teatro dell'Arte di Milano ha ospitato il concerto di Sainkho Namtchylak, che ha presentato i brani del suo ultimo album Like A Bird Or Spirit, Not A Face.

You might also like

REPORTAGE

Un Grande Marco Masini al Creberg Teatro di Bergamo

Marco Masini ha fatto tappa ieri sera al Creberg Teatro di Bergamo con il suo Cronologia Tour. Accolto con grande entusiasmo dal pubblico che ha potuto riascoltare anche molti suoi successi quali: T’innamorerai,

GALLERY

Ensi, Raige, En?gma: le fotografie del trittico rap alla Birroteca di Crema!

Le fotografie dell’incredibile serata all’insegna del rap che ha visto protagonisti i rapper Ensi, Raige ed En?gma. In apertura oltre a Joelz, alcuni rapper della zona. Fotografie a cura di

REPORTAGE

Subsonica e Ritmika festeggiano i 20 anni in una grande festa!

Grandissimo successo per la data finale del “1996-2016 tour” dei Subsonica che si è svolta ieri (16 settembre) in piazza del mercato a Moncalieri in occasione del festival Ritmika. L’alternative