Dalla Siberia all’Italia, Sainkho Namtchylak conquista Milano

Dalla Siberia all’Italia, Sainkho Namtchylak conquista Milano

Ieri sera, 2 febbraio 2016, il Teatro dell’Arte di Milano ha ospitato il concerto della cantante russa Sainkho Namtchylak, che ha presentato i brani del suo ultimo album Like A Bird Or Spirit, Not A Face.

Con lei sul palco Sanou Ag Ahmed (Chitarra), Liya Ag Ablil ‘Diara’ (Percussioni) e Danilo Gallo (Basso).
Oltre all’ultima fatica in studio, la leggendaria voce della Siberia ha proposto un repertorio molto vario, tratto dalla decina di album in studio all’attivo. Le canzoni sono cantate in lingua Tuva, Russa e Inglese, con un sound che spazia dal punk-rock della steppa ad affascinanti suoni ripetitivi e dilatati offrendoci anche ballate dal tono epico.

Nel ringraziare Ponderosa Music & ArtCRT Milano per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Romano Nunziato:

no images were found

Previous Slipknot: il racconto e le foto del concerto di Padova
Next Dance Directory 2016: disponibile come e-book

Editor review

Summary

Ieri sera il Teatro dell'Arte di Milano ha ospitato il concerto di Sainkho Namtchylak, che ha presentato i brani del suo ultimo album Like A Bird Or Spirit, Not A Face.

You might also like

REPORTAGE

Un grande Marco Masini al Gran Geox di Padova

Ieri sera Marco Masini ha fatto tappa al Teatro Gran Geox di Padova  (ZED Live) per presentare il nuovo disco (Tour prodotto e organizzato da ColorSound) . L’album contiene il

GALLERY

Quattro artisti straordinari chiudono con un concerto inedito Alma Mater

Alma Mater chiude i battenti in grande stile con quattro straordinari protagonisti per un grande concerto: Llorenç Barber e Montserrat Palacios, leggende viventi della musica d’avanguardia spagnola, si sono esibiti in

GALLERY

Grande serata prog-rock all’Estathè Market Sound con Steve Hackett

Ieri sera all’Estathè Market Sound di Milano grande serata dedicata alla storia della musica, in particolare al progressive rock, con un ospite davvero d’eccezione: Steve Hackett. La leggenda del prog-rock