Lo spirito rock’n’roll dei Royal Republic al Legend Club di Milano

Lo spirito rock’n’roll dei Royal Republic al Legend Club di Milano

Hanno il fare da simpaticoni e tanta voglia di suonare il loro rock’n’roll made in Sweden i Royal Republic originari di Malmo.

Forti del loro terzo album Weekend Man, i quattro svedesi approdano al Legend Club di Milano per la prima delle tre date sul suolo italiano.

La serata √® aperta da Tim Vantol¬†e dai Dinosaur Pile-Up,¬†tutte e due le band suonano bene e coinvolgono un pubblico discreto che canta e si diverte. Vi rimando per√≤ ad una pi√Ļ accurata recensione di questi due gruppi alla data di Bologna, poich√® il sottoscritto era l√¨ solo ed esclusivamente per i Royal Republic!

Finalmente, dopo qualche anno di stop, i ragazzi tornano on the road e l’attitudine rock’n’roll √® rimasta invariata dall’ultima volta che li vidi in apertura ai Billy Talent.
Ciuffo impomatato ed eleganza fuori misura √® la base per il carismatico¬†frontman Adam Grahn che grazie alla sua gran voce e alla sua infinita simpatia tiene al guinzaglio tutti i presenti che cantano e ballano ogni singola canzone, dalle pi√Ļ recenti alle pi√Ļ datate quali Underwear, Tommy Gun e Full Team Speacemachine¬†che vengono accolte tutte e tre con un gran boato (no, seriamente, un gran boato).
Ma questa band non è solo composta dal suo cantante, infatti a suo supporto ci sono altri tre ottimi musicisti che bilanciano questa ottima band. Tutti e tre biondissimi, per rimarcare il fatto di essere svedesi: Hannes Irengard alla chitarra, Pér Andreasson alla batteria e Jonas Almén al basso suonano e divertono anche loro con smorfie e sguardi ammiccanti.
Scontato dire che la maggior parte della setlist √® incentrata sull’ultimo lavoro Weekend Man:¬†il trittico d’apertura¬†When I See You Dance with Another,¬†Walk!,¬†Make Love Not War¬†(come gi√† detto in precedenza) scatena il caldissimo pubblico che rimarr√† rovente per tutto il tempo del concerto.
Ci sarebbero un sacco di cose positive da dire su un concerto dei Royal Republic, ma ve lo lascio scoprire da soli invitandovi ad andare al loro prossimo concerto!

Ricordiamo che la band sar√† sabato 22 alla Zona Roveri di Bologna e domenica 23 all’Ufo di Bunico (Bz).
Ringraziamo HUB Music Factory per il gentile invito.
Testo e fotografie a cura di Stefano Cremaschi.

You might also like

GALLERY

Immanuel Casto: quando si può riflettere ridendo

Terza apparizione torinese per Immanuel Casto, che dopo due uscite all’Hiroshima Mon Amour, venerdì scorso è approdato al Cap 10100. Nel grande locale situato sulla sponda del Po, venerdì scorso

GALLERY

I Millencolin al Live Club di Trezzo: ecco le foto

“Non si √® mai troppo vecchi per il punk-rock”. E’ con questa massima durante gli ottimi trenta minuti dei LineOut che va in scena al Live Club di Trezzo una

RECENSIONI

Ariana Grande: un concerto senza paura

La migliore risposta alla paura è non avere paura. Questo ci sentiamo di dire dopo aver assistito questa sera al concerto torinese di Ariana Grande. Il Pala Alpitour era gremito