Fulmini e saette con la musica dei Royal Republic a Bologna

Fulmini e saette con la musica dei Royal Republic a Bologna

Dopo la scoppiettante data di ieri a Milano ecco salire sul palco del Zona Roveri di Bologna i Royal Republic.

Il loro rock and roll made in Svezia è qui nel nostro paese per presentare Weekend man, il loro terzo album uscito all’inizio del 2016.

Ad aprire il concerto ci sono Dinosaur pile up e  Tim Vantol.

La rock band di Leeds ha un sound potente che si ripesca i ritmi made in Seattle del pre – grunge.

Dopo questa bomba di suoni di chitarre distorte è venuto il tempo del folkman olandese Tim Vantol.

“….eh lo so che non c’entra nulla un set acustico un concerto di gruppi rock, non ho nessuno alle mie spalle e di fianco, ma non fa niente questo sarà lo stesso un rock and roll show …”

Un po’ Frank Turner un po’ Glen Hansard, il cantante olandese dopo solo poche note si è preso tutta l’attenzione del pubblico presente.

Dopo le atmosfere folk si torna subito sulla via del Rock and roll con gli headliners della serata.

I Royal Republic nonostante siano un gruppo che è ora mai è in heavy roation anche nelle radio italiane, non ha attirato il pubblico delle grandi occasioni.

Nonostante questo, i quattro svedesi hanno mostrato subito la loro professionalità, coinvolgendo subito il pubblico sia con la loro musica che attraverso i folli e divertenti siparietti del cantante Adam Grahn.

Costumi raffinati e luci accecanti rendono lo show speciale soprattutto dopo l’arrivo del Weekend man.

Due enormi fulmini si sono illuminati e da quel momento è cominciato un altro concerto.

La potenza del suono mischiato alle luci imponenti hanno fatto saltare tutto l’impianto elettrico, ma la band non si è scoraggiata , visto che ha preso “baracca e burattini” per trasferirsi in mezzo al pubblico a cantare.

Quando lo staff è riuscito a risolvere il problema, Adam Grahn e soci sembrano quasi dispiaciuti nel dover risalire sul palco visto la calorosa accoglienza del pubblico.

Risolto il problema elettrico il concerto è continuato con poche soste con i brani del nuovo disco e non solo .

Everybody Wants To Be An Astronaut, Underwear o baby sono brani che fanno ballare tutto il pubblico e dopo un ora di assoluto rock and roll è giusto chiudere con la hit Tommy gun.

Gli encore si trasformano in un mini set con la bellezza di quattro brani che si chiude con Full Steam Spacemachine.

Un ringraziamento a HUB Music Factory per l’invito

Testo di Carlo Vergani e foto di Ivan Elmi

Dinosaur Pile up

no images were found

Tim Vantol

no images were found

Royal Republic

no images were found

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi