Rise Against e Raised Fist all’Alcatraz

Rise Against e Raised Fist all’Alcatraz

I Rise Against tornano finalmente nel bel paese dopo qualche anno d’assenza e lo fanno con tre date che attraversano tutto lo stivale.  Ad accompagnarli negli show di Milano, Roma e Bologna uno special guest di tutto rispetto, i Raised Fist che con il loro hardcore hanno scaldato il pubblico.

Ma ora qualche interessante impressione a caldo dall’inviato Stefano Cremaschi

Quasi nella penombra, salgono sul palco senza dare troppo nell’occhio i Raised Fist.
La band sfrutta in maniera egregia i 45 minuti di tempo a disposizione, anche se ad ogni canzone è costretta a pause per riprendere fiato, snocciolando soprattutto brani dei vecchi album quali Sound Of The Republic, You Ignore Them All e Friends And Traitors in chiusura lasciando dei piccoli spazi per promuovere l’ultimo album From The North suonando Chaos, Flow e Man & Earth.

Non tutti sanno che gli svedesi Raised Fist sono una band che da più di vent’anni tiene alto il nome dell’hardcore europeo. Con sonorità e ritmi completamente differenti dai colleghi americani, puntano su suoni più secchi e riff molto brevi, i testi difficili vengono urlati in maniera rauca da Alexander Hagman.

Gran sorpresa per il numero dei fan presenti a cantare le loro canzoni, ma la curiosità più grande è stata quella di vedere come la band si comportava su un palco così grande. Prova egregiamente superata perchè, oltre al cantante che ha una notevole presenza scenica con il suo fisico palestrato e i suoi salti da karateca, i due chitarristi e il bassista continuavano a percorrere il palco a destra e manca, dimenandosi a più non posso.

I Rise Against piombano sul palco con la voglia di fare che ha una band emergente. Attaccano con The Great Die-Off subito seguite a ruota da The Good Left Undone e Give It All, due brani decisamente conosciuti.

E’ stato sbalorditivo vedere con quanta energia e velocità la band si sia esibita sul palco, forse però questa partenza in quarta è andata a scapito della voce del cantante Tim, che non sempre è sembrato reggere con la voce.
Ma poco importa, perchè il pubblico era in delirio e sempre pronto a cantar a gran voce tutte le canzoni proposte dalla band.  Collapse, Savior e Prayer Of The Refugee sono questi alcuni  brani scelti dalla band per ricordare i 15 anni di cariera che li ha portati fino qui, dando un piccolo spazio alla più recente I Don’t Wanna Be Here Anymore e la bellissima Help Is On The WayReady To Fall canzone che manda dietro le quinte la band per riapparire poco dopo per l’ultima manciata di canzoni… per poi concludere con Savior.

Rise Against si confermano un’ottima band dal vivo con gran presenza scenica e con una grandissima voglia di fare. Ottimi anche i Raised Fist, che nonostante il loro ruolo di spalla, non si lasciano intimorire e sfoderano un set all’altezza del loro nome.

Foto copertina “per gentile concessione” dell’amico Fotografo Mairo Cinquetti

Previous A Novembre l'antologia Le Nostre Anime di Franco Battiato
Next Raf: il nuovo singolo Arcobaleni in radio da venerdì

Editor review

Summary

Rise Against e Raised Fist insieme sul palco del mini tour italiano che li vede protagonisti. Ecco il racconto della data all'Alcatraz di Milano.

You might also like

GALLERY

I Ministri scatenano la loro energia rock nella calda notte cuneese!

Altro successo per il Nuvolari, dopo il reggae di Alpha Blondy, ieri 3 settembre, al Nuvolari di Cuneo è stato protagonista assoluto l’alternative rock dei Ministri. Davide “Divi”  Autelitano (basso

GALLERY

Le Theories Of Fight dei Fates Warning approdano a Bologna

Dopo l’ottima performance al Circolo Colony di Brescia, i Fates Warning sono approdati – ieri sera – al Zona Roveri di Bologna per concludere questa tranche italiana del tour promozionale

GALLERY

Il monumentale show di Tiziano Ferro all’Olimpico di Torino

Dopo aver raccolto ovazioni con la tre giorni a San Siro (QUI il reportage), il nuovo tour negli Stadi di Tiziano Ferro, a supporto dell’album Il Mestiere Della Vita, si