La classe di un artista politico: Billy Bragg live al Carroponte

La classe di un artista politico: Billy Bragg live al Carroponte

25 giugno 2017, Sesto San Giovanni cambia rotta dopo mezzo secolo di governance “rossa”. La Stalingrado d’Italia muta il suo essere e la sua prospettiva, tra i commenti increduli di chi, come me, non lo riteneva possibile.

5 agosto 2017, al Carroponte di Sesto San Giovanni arriva Billy Bragg, cantastorie che mai nasconderà la sua vena politica di artista militante, sempre dalla parte degli umili e naturalmente incline ad una musica di frontiera, in cui politica e poesia perdono i loro confini. Un cantante scomodo per molti, ma punto di riferimento per altri e per la platea che è venuta a sentirlo in questo scorcio di un ex fabbrica, dove gli operai da lui molte volte cantati e sopportati sputavano sudore e fatica. E chissà qual è stato l’impatto di questo splendido personaggio, quando ha visto l’industria vicino ancora rumorosa e lui che faceva il check, forse intento a farsi sentire agli operai.

Billy Bragg è un beniamino senza età, un personaggio di quelli che Ken Loach metterebbe in locandina, mentre canta con in mano la sua chitarra di chissà quale storia lontana e indoss auna maglia dei Clash. Al Carroponte arriva dopo il tour negli USA, un railcoast trip fatto esclusivamente in treno, per avvicinarsi a chi non può permettersi un auto e per vedere la vera America e capire il perché del mostro del trumpismo.

Un passo verso un ulteriore maturità, per questo splendido 59enne (quasi 60 ormai) brizzolato che è stato citato nelle memorie di Bob Dylan, e che non si stanca mai di imbracciare il suo strumento, questa volta portato in trionfo per farci sentire l’album Shine a light del settembre 2016.

Lo show milanese diviene poi anche l’occasione per scaldare i cuori con ragionamenti spoken world posti rigorosamente prima di un nuovo pezzo, quasi a spiegarlo e voler far partecipare chi sta sotto al palco, ma vicino a lui in un ipotetico corteo antagonista. Accompagnato da un fedele roadie ad un’altra chitarra o alla keyboard, Billy Bragg non fa nessun comizio, bensì intona grandi brani come Handyman blues o There is Power in a Union, corale e imponente come lui.

Vestito con la sua camicia da benzinaio, ricorda l’importanza delle aperture al diverso, ricucendo la sua storia personale e della sua famiglia, anch’essa legata alla migrazione (il bisnonno proveniva da Amalfi). Nel calendario della serata compaiono però anche canzoni di lotta e passione che vengono fuori da King Tide and the sunny day flood, seconda raccolta di brani singoli a sfondo politico che riemergono ad un certo punto con la magistrale The sleep of reason, oppure con le cover al grande talento di Woody Guthrie.

E dopo un’invettiva contro il sole nero della Brexit e il culmine dell’epoca europea caratterizzata da un cinismo mediocre, tocca infine alla poesia di I keep faith, per un arrivederci a chissà quale battaglia.

Sempre viva, Billy Bragg.

Grazie a Carroponte e Ja La

Andrea Alesse

You might also like

GALLERY

Incubus live a Milano – Le foto e la recensione

Milano, 3 Giugno 2015. Il Postepay Milano Summer Festival porta nel capoluogo lombardo il meglio della musica italiana ed internazionale. Dopo il debutto col botto dell’altra sera, giorno in cui

CONCERTI

Skunk Anansie: tris di concerti in Italia nell’estate 2016

Dopo aver registrato il “tutto esaurito” a poche ore dall’inizio della prevendita per lo show del 17 febbraio prossimo all’Alcatraz di Milano, a grande richiesta Live Nation annuncia tre date

CONCERTI

Paola Turci: ecco le date de Il Secondo Cuore Tour

Dopo il grande successo sanremese, Paola Turci è pronta per tornare live sul palco con Il Secondo Cuore Tour che partirĂ  il 9 maggio dall’Auditorium Parco della Musica di Roma,