TanIka Charles, regina soul al vostro servizio

TanIka Charles, regina soul al vostro servizio

Autrice: Tanika Charles
Album: Soul Run
Etichetta: Record Kicks

Un breakup album, per affettare la tristezza e gioire dopo aver premuto il bottone reset. Tanika Charles è pronta a manifestarsi in tutto il suo carisma e la sua intensità con Soul Run, disco di debutto dopo Ep e lavori solisti che hanno fatto conoscere il revival sound della cantante canadese. Da Edmonton per sganciare le sue armi soul sul vecchio continente e oltre, creando una forma canzone che è costruita intorno ad una voce clamorosamente elegante e a tempi sonori devoti quanto al ryhtm and blues, quanto a passaggi sopra il ponte delle musica nera. Un virtuoso suono al caldo sapore di motown-revival che si forgia spesso di fiati per dare sostanza alla beatitudine di una female vocals dalle sapienti architetture vocali, come nella sostanza di Sweet Memories. Tanika Charles ama raccontare con questo disco le sue avventure, e siate certi che tutto quello di cui parla si è celebrato prima nelle sue esperienze di donna forte e avventurosa, con palchi condivisi, tra i tanti, accanto a Lauryn Hill e Macy Gray.
Dopo una relazione finita, e il trasferimento dalla provincia (Edmonton per l’appunto) alla metropoli (Toronto), Tanika riparte con undici tracce e un’arma in più: una dimensione nu soul che è anche legata a balzi di hip hop, rinfrescando la dinamica del ritmo orgoglioso che campeggia sin da Soul Run, pronta a farti anche danzare con un groove alla Chinese Man vorticoso e coinvolgente. Tanika Charles viva e vegeta, dunque, che in Two Steps compie un viaggio nella spiaggia del suono d’anima più arguto e dinamico.
In More than a man compaiono riflessioni e reazioni sonore più ipnotiche, anche grazie ad una back vocals che fa da contorno ad un groviglio di sfumature docili e lineari. In Money torniamo dentro ad un locale con vinili gettati su tavoli per coprire l’odore del fish and chips, con pura musicalità che vive nell’aria.
Il lungo viaggio termina con l’autobiografia di Darkness and the Dawn, celebrativa e raffinata canzone in cui Tanika mostra i muscoli e la fermezza di una giovane e talentuosa cantante, con sprazzi di r’n’b e chitarra di sottofondo ad aiutarla nelle sue missioni.
Andrea Alesse

Previous Francesco De Gregori torna in radio con Rimmel, dal 7 Aprile
Next Decibel: un ritorno al passato che non fa male

You might also like

RECENSIONI

Imbracciamo i fucili e le chitarre, i Criminal Party ci guidano con La revolution Bourgeoise

Artista: Crimnal party Album: La revolution bourgeoise Etichetta: Downbeat & Pink House Label Booking: Lunatik Suonare punk rock nell’era moderna equivale ancora a distinguere il proprio stile e a distinguersi

ALBUM

Me And That Man, la recensione del nuovo Songs of love and death

Gli amanti del black metal ormai lo sanno, quando si parla di Nergal e dei suoi Behemoth, si parla sempre di capolavori. Dopo l’incredibile The Satanist, il leader della black

RECENSIONI

Phil Campbell (Motörhead): la recensione del live EP pubblicato (quasi) a sorpresa

Phil Campbell And The Bastard Sons: Live At Solothurn. Con questo EP live pubblicato solo online a sorpresa, per festeggiare il contratto firmato con la Nuclear Blast, Phil Campbell esce