Cleo T., non di sole note vive una vera artista

Cleo T., non di sole note vive una vera artista

Artista: Cleo T.
Album: And I saw a million skies ahead
Etichetta: Motor Entertrainment
Ufficio stampa: A buzz supreme

Musica dal mondo, costruita per vivere le emozioni di una naufraga passionale. Cleo T. vive di incastri sonori e interpretazioni sperimentali dietro l’unione di beat minimali e strumenti ricercati, resi in musica in And I saw a million skies ahead, nuovo lavoro dopo l’esuberante e sorprendente Songs of Glod & Shadow, baluardo della musica nuova datata 2013. In questo nuovo disco, la mission è talentuosa e ambiziosa, legata alla necessità di dare sfogo ad una personalità che si muove tra arti digitali, pittura, poesia e performance di vario tipo. Come non ricordare, allora, le prove del tour celebrate in una location di Milano in cui la collettività della presenza del pubblico si mostrava nell’utilizzo di luci e interazioni che ne mettevano in mostra il protagonismo. Non è una novità, perché Cleo T. ama renderti protagonista con il suo sound sensuale e filosofico, figlio di una cantante francese che si è stabilità nell’universo berlinese del quartiere cosmopolita di Prenzlauerberg. Dai suoni del quartiere sino ad un disco di undici pezzi divisi tra soul elettrico, cadenze glitch pop e ritmi provenienti dal mondo. Una word music moderna e polivalente, in cui Cleo T. si tuffa subito con Africa Queen, giocando a fare l’erede di Nina Hagen e del suo viaggio tra gli elefanti e il deserto. Musica per calde e assolate serate, con sintetica pioggia di beat scanditi da una voce suadente e da una chitarra esotica. Dopo aver familiarizzato con la prima testimonianza di un set strumentale che non è certo alle prime armi, e che si compone di tabla e oud (del palestinese Joubran) e di archi e chitarra tango (stavolta dell’argentino Gubitsch), ci viene incontro la pulsazione elettronica di Shine, traccia verità che anticipa il barocco pop di Amore vero. Misto italo- francese come Blonde Redhead mischiati con baritoni d’opera nostrani, per una filastrocca dolce che non poteva non parlarci dell’amore, in tutte le sue sfaccettature.
Cleo T. ci ammalia poi con il violino di Stay!, invito che riutilizza l’inglese, poi mescolato coi tocchi vintage dell’elettronica eighties che da inizio alla successiva Look at me I’m a horse, con beat trasgressivo e diretto sotto traccia. Elyas Khan la accompagna poi nel suo eclettismo (Devil by our side), condito da un impulso teatrale che ama la musica r’n’b e i toni electro sino alla comparsa di disegni artefatti che ricordano la passione messicana di Frida Kahlo. Musica che prende vita, dunque, con Magic All Around che ha un groove stile The Go Team, saltellando anche tra i cori femminili alla The Dresden Dolls, sempre agganciati alla sperimentazione, fatta stavolta anche con percussioni. Da non perdere, sul finire, la brezza malinconica di I must remember matura canzone imbevuta della voce di un’artista a 360 gradi.
Se avete voglia di perdervi e poi ritrovarvi seguite la spirituale sensualitĂ  di Cleo T. e della sua voce, quanto di piĂą sincero oggi potete godervi in giro tra i suoni del mondo.
Andrea Alesse

You might also like

ALBUM

Suicide Silence, la recensione del nuovo omonimo disco

Il nuovo disco omonimo dei Suicide Silence, ha cominciato a far parlare male di se, sin prima della pubblicazione stessa.  Il disco, che uscirĂ  per Nuclear Blast il prossimo 24

ALBUM

Buzzooko, Giza e la spiegazione del dualismo esistenziale in rock

Autori: Buzzooko Album: Giza Label: Retro Vox Records   Dalla provincia di Mantova arriva n trio di noise rockers innamorato di Melvins e Drive like Jehu, ma anche macchiato da

RECENSIONI

Kreator: la recensione del nuovo Gods Of Violence

Dopo 5 anni, dall’ultima fatica discografica, ritornano i teutonici Kreator. La storica thrash metal band del chitarrista e cantante Mille Petrozza, pubblicherĂ  per Nuclear Blast il nuovo disco Gods Of