Psychic Ills presentano a Milano Inner Journey Out

Psychic Ills presentano a Milano Inner Journey Out

Dopo 78 concerti e tante fatiche lunghe sole 8 mesi, arriva al Sotto La Sacrestia di via Conchetta uno dei gruppi di punta della “sacred bones”, etichetta culto con base a Brooklyn che annovera tra le proprie fila, tra gli altri, Zola Jesus, David Lynch, Crystal Stilts, Moon Duo e i Cult of Youth.

Si tratta di Elizabeth Hart Tres Warren, in arte Psychic Ills, duo psichedelico arrivato al suo quinto album e che porta in giro nel breve tour italiano (tre date tra cui quella pescarese per l’indie Rocket Festival) Inner Journey Out, ultimo lavoro uscito il 3 giugno.
Sapevamo di trovarci dinanzi ad un cambio di rotta rispetto alle precedenti sonorità e così è stato. Dopo tanta devozione allo shogeaze elettronico e alla psichedelia creativa, culminata con il successo di One Track Mind del 2013, gli Psychic Ilss imbastiscono infatti uno show poliedrico e alquanto disarticolato dove le note del nuovo disco introducono a suoni che sviscerano country stile Calexico prima maniera e un certo tipo di blues acido con venature jazz, introvabile al di qual dell’Oceano. Un concerto di rottura, quindi, che premia la creatività di due personaggi schivi e geniali che hanno impiegato tra anni prima di renderci partecipi di un nuovo vinile, peraltro preceduto dall’uscita del singolo I Don’t Mind in cui compare anche la divina voce di Hope Sanoval.

Un live corposo e perfettamente in linea con l’atmosfera e il panorama interno del locale, sinistroso e sempre attento al sound dei propri ospiti, dove i nuovi pezzi si mischiano con vecchi lavori e le venture rock lasciano sempre piĂą spazio all’indefinito spazio della sperimentazione come in New Mantra e Coca-Cola Blues. La voce umbratile di Warren, mescolata a riff di chitarra a tratti acidi, porta i presenti in un’altra dimensione e regala attimi di intensitĂ  musicale di indubbia bravura, mentre giĂ  attendiamo il palinsesto della nuova stagione.

Testo a cura di Andrea Alesse Blisset

You might also like

GALLERY

Joe Jackson a Mestre con Fast Forward Tour

Difficilmente le immagini potrebbero descrivere lo spettacolo a cui il folto pubblico del Teatro Corso di Mestre ha assistito questa sera. Per Joe Jackson il tempo sembra scorrere lentissimo, malgrado

REPORTAGE

Lo spettacolo atomico dei Mogwai tiene incollato alla sedie il pubblico presente al loro show

Atomic sono dieci brani, risultato di una sapiente rielaborazione del materiale utilizzato per confezionare la colonna sonora, interamente curata dalla band, del documentario prodotto da BBC Four Atomic – Living

RECENSIONI

Cugini di Campagna: ritornano i favolosi anni ’70

Ormai di quella che era la formazione originale rimangono due fratelli Michetti (Ivano e Silvano), che sebbene siano completamente diversi tra di loro sono addirittura gemelli. Il resto della formazione