Phil Campbell (Motörhead): la recensione del live EP pubblicato (quasi) a sorpresa

Phil Campbell (Motörhead): la recensione del live EP pubblicato (quasi) a sorpresa

Phil Campbell And The Bastard Sons: Live At Solothurn.

Con questo EP live pubblicato solo online a sorpresa, per festeggiare il contratto firmato con la Nuclear Blast, Phil Campbell esce allo scoperto è presenta ufficialmente il suo nuovo progetto post Motörhead.

La band a “conduzione famigliare” vede ovviamente Campbell alle chitarre, e i figli: Todd (chitarra ritmica), Dane (batteria), Tyla (basso) e il sorprendente Neil Starr alla voce.

  Il disco si apre subito con un brano inedito, molto interessante, Big Mouth, dove emerge subito Neil Starr come vocalist. 

Il secondo brano è Nothing Up My Sleeve, ovviamente dei Motorhead, seguita senza pause da Spiders (altro inedito di alto livello) e da Take Aim (sempre inedito) che però fatica a decollare. 

Il quinto brano è il classico R.A.M.O.N.E.S., a chiudere le danze ci pensa la perla di questo EP una grandiosa cover di Sweat Leaf dei Black Sabbath.

Siamo sicuri che Campbell, tornerà al più presto a comporre e ad incidere riff infernali, con il suo solito sound distruttivo alla Motorhead. Se da questo EP vi aspettate qualcosa di nuovo, o di straordinario non ascoltatelo, rimarreste delusi, se invece semplicemente amate il sound più grezzo, e amate i Motorhead e volete sentire ancora una volta quella chitarra, verrete allietati per 30 buoni minuti da una massiccia dose di hard rock. 

You might also like

RECENSIONI

Ma dove vai se Liede non ce l’hai, Stare Bravi è pronto a invadere le vostre casse

Autore: Liede Album: Stare bravi Etichetta: Costello’s “Liede non significa niente. Lied è una parola tedesca, che sta per “canzone”, “romanza”. Ma l’ho scoperto dopo. Liede è il nome di

RECENSIONI

Is This The Life We Really Want?: la recensione del nuovo capolavoro di Roger Waters

Recensire il disco di un musicista che ha l’etichetta di leggenda non è cosa semplice, ma se il musicista in questione ha addosso l’etichetta di Dio della musica, l’impresa diventa

RECENSIONI

Pietro Berselli e il suo Orfeo: suoni d’inquietudine e cantautori

Autore: Pietro Berselli Album: Orfeo l’ha fatto apposta Label: Dischi sotterranei Booking: ja la Orfeo l’ha fatto apposta, e Pietro Berselli anche. Trovare ispirazione in un fallimento, crudo e definitivo,