Serata travolgente al Circolo Magnolia con Peaches e Black Cracker

Serata travolgente al Circolo Magnolia con Peaches e Black Cracker

La musicista-videomaker-producer Peaches, autrice di alcuni tra i brani più sovversivi sui temi di corpo e identità sessuale degli ultimi 20 anni, è tornata in Italia al Circolo Magnolia di Segrate (MI) dopo una lunga attesa per presentare l’ultimo lavoro RUB, pubblicato a settembre 2015 via I U She Music.

Sono passati 6 anni dall’ultimo album di Peaches. Lontani dall’essere una pausa, questi 6 anni sono stati tra i più impegnativi e produttivi della carriera per l’artista canadese.

Dalle produzioni teatrali al suo debutto cinematografico al festival di Toronto sino alla pubblicazione del suo primo libro, Peaches ha esplorato in questi anni praticamente tutte le possibili strade artistiche. Arricchita da queste nuove esperienze, l’eccentrica artista ha sentito di nuovo il desiderio e la voglia di tornare in studio. Ne è emersa ricaricata e rinnovata con un nuovo lavoro “RUB”, il suo quinto album. Un avventuroso e audace passo sonoro, ultimo tassello di una rivoluzionaria conversazione musicale iniziata 15 anni fa.

“Dal 2000 ho pubblicato un album ogni anno, e poi l’ho portato in tour per i due anni successivi”, racconta Peaches. “Dopo 10 anni senza sosta, ho avuto bisogno di un cambiamento, di dedicarmi a nuovi progetti”. Così è nato lo spettacolo teatrale Peaches Christ Superstar, accolto con incredibile favore dalla critica.

Del resto sin dal suo acclamato esordio del 2000 The Teaches of Peaches l’artista è stata impegnata a oltrepassare le barriere e i confini tra musica elettronica, punk, hip hop e pop, guadagnandosi l’attenzione del mondo musicale, e cinematografico. Anche il seguito Fatherfucker che affrontava i temi di identità sessuale e politica gender è stato un album rivoluzionario, e così il suo successivo acclamato Impeach my Bush del 2006,  urgente chiamata alla rivoluzione non solo musicale, a cui hanno collaborato artisti del calibro di Joan Jett, Josh Homme e Beth Ditto. Nel 2010 è stata la volta di  Peaches Does Herself opera electro-rock che fonde gli elementi di tutti i suoi precedenti album, e che si trasforma in un film nel 2012 presentato al Toronto film festival e poi proiettato in più di 60 festival intorno al mondo.

In seguito Peaches si è unita al tour della Yoko Ono’s Plastic Ono Band e si è dedicata a collaborazioni con Major Lazer, Le Tigre, REM, e altri.
Tutto questo periodo è stato documentato splendidamente nel libro What Else Is In The Teaches Of Peaches una collezione di foto di Holger Talinski.

Ed è proprio alla fine di queste numerose esperienze che inizia RUB, nel 2014, quando Peaches decide di tornare nel suo garage-studio di Los Angeles, piena di entusiasmo e idee, per iniziare un anno intero di lavoro con il collaboratore di lunga data Vice Cooler.

Il nuovo album vede la collaborazione di Kim Gordon e Feist, ma è un album che esprime l’essenza di Peaches come mai prima, un album che si interroga sui temi del piacere, del potere e del dolore da un punto di vista femminista, con la sua oramai nota attitudine punk. Dunque un particolarissimo Live quello di ieri sera al Circolo Magnolia di Segrate (MI).

Ad aprire la serata il simpatico rapper e poeta newyorchese Black Cracker, sicuramente degno di nota. Molto bravo e particolare

Ringraziamo DNA Concerti per il graditissimo invito e vi lasciamo ad una selezione scatti a cura di Stefanino Benni.

Gallery Peaches:

Gallery Black Cracker :

You might also like

REPORTAGE

Anthrax: uno show potente alla Zona Roveri di Bologna

Dopo l’incendiario live di giovedì sera all’Alcatraz in compagnia degli Slayer, gli Anthrax si spostano a Bologna nel locale Zona Roveri per una nuova tappa del loro live tour. Un’esibizione

GALLERY

Il ciclone Michael Franti presenta Soulrocker a Bologna

Michael Franti è approdato venerdì sera – 28 Ottobre – con i suoi Spearhead al Circolo Arci Zona Roveri di Bologna, per l’unica data su suolo italiano in calendario per

REPORTAGE

Incendiari Whitesnake al Castello Scaligero di Villafranca

Il Villafranca Festival ha ospitato ieri sera, nella stupenda cornice del Castello Scaligero, uno degli eventi heavy metal piĂą attesi dell’estate. I Whitesnake – dopo il sold out dello scorso novembre