Musica mutante, imprevedibile, catartica. Intervista ai Flamingods

Uno degli album più belli dell’ultimo periodo, Levitation (recensione sul nostro sito), e un gruppo dalle mille sfaccettature musicale.

I Flamingods sono londinesi alla ricerac della spiritualità rock musicale più arguta, in un misto di veemenza alternative e radici variopinte, in un lavoro musicale che vi consiglio di non perdere.

La band è attualmente in tour, ma noi li abbiamo raggiunti per una breve chiacchierata.

Eccovi serviti

Date ai vostri fan italiani una definizione della vostra musica in tre aggettivi

Mutante, imprevedibile, catartica.

Secondo me, Levitation è un album che abbatte i confini, come è stato costruito il sound del disco?

Era la prima volta che stavamo tutti insieme scrivendo dopo molti anni, e penso che dopo essere stati lontani l’uno dall’altra e non aver mai veramente esplorato certi suoni o scavato nelle cose come le tecniche di registrazione e la produzione, è finito per essere un album che scuotere le cose non solo per i nostri ascoltatori ma per noi stessi.

Il vostro suono è influenzato dal contesto di Londra? Come sta facendo musica in una nazione che si è trovata mentalmente chiusa?

Non possiamo fare a meno di essere ispirati o influenzati da ciò che ci circonda e l’essere a Londra ha senza dubbio influito sulla musica. Non possiamo dire specificamente di cosa si trattava! Inizialmente volevamo andare in un posto caldo per registrare l’album, ma la vita è stata di ostacolo! Penso che a prescindere, ciò che abbiamo ricavato dall’essere principalmente a Londra per l’intero processo è finito per essere una cosa positiva piuttosto che negativa.

Dopo l’uscita dell’album, quali saranno le prossime mosse? Quando verremo in Italia?

L’obiettivo al momento è semplicemente quello di rendere lo spettacolo dal vivo questo assurdo assalto psichedelico del suono e dello spettacolo, mentre lentamente si cerca di capire dove possiamo andare musicalmente dopo. Abbiamo iniziato a pensare a quello che potrebbe essere e siamo entusiasti! Speriamo di essere in Italia entro la fine dell’anno, ci è davvero mancato suonare lì!

 

Andrea Alesse

recensioni@thefrontrow.it

 



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e da terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi