L’hard rock scandinavo dei Motorpsycho riempie il TPO di Bologna

L’hard rock scandinavo dei Motorpsycho riempie il TPO di Bologna

Il trio alternative rock norvegese Motorpycho fa tappa con il suo mini-tour italiano al TPO di Bologna. Dopo quasi una carriera trentennale la band ha appena fatto uscire un nuovo LP dal titolo Here Be Monsters. Dopo tutti questi anni il loro stile è unico ed è sempre attuale, tanto da riempire il locale bolognese.

Cresciuti musicalmente negli anni 80, la loro musica è prettamente strumentale con al suo interno riff interminabili e suoni hard rock psichedelici tipici degli anni 70, senza dimenticare il prog rock. Come ho già descritto le loro canzoni sembrano non finire mai, trasformando lo show in una grande avventura musicale.
Naturalmente partono con brani del nuovo disco  Here Be Monsters con brani come Big Black Dog o Lacuna/Sunrise per poi poi suonare la maggior parte dei brani di tutta la loro carriera.
Il loro set √® travolgente con¬†Bent Saether bassista e chitarrista e¬†Hans Magnus ‘Snah’ Ryan¬†che fanno la voce grossa, con Bent sempre attivo sul sintonizzatore per aggiungere tutti gli effetti che hanno reso famosa la loro musica.¬†Bisogna anche parlare del talento di¬†Kenneth Kapstad che con la sua parte ritmica si intreccia perfettamente con i suoni degli altri due musicisti.

Molti brani¬†sembrano noiosi e ripetitivi, ma quello che colpisce di questa band sono la profondit√† dei suoni che si mischiano perfettamente tra hard rock pi√Ļ duro a quello un po’ pi√Ļ soft.¬†La band porta¬†l’ascoltatore in un viaggio vorticoso che vede con il passare del tempo il¬†pubblico ¬†non stancarsi, anzi non perde un secondo come se fosse ipnotizzato dalla musica che proviene dal palco.¬†I classici della band degli anni 90 come¬†Feedtime¬†e Junior¬†portano alla chiusura dello show.
Anche se con gli ultimi lavori la band sembra orientarsi a sperimentare molto con l’elettronica, le atmosfere prog-rock degli anni 70 che si respirano durante i loro concerti vale il prezzo del biglietto.

Si ringrazia Live Nation per l’invito

Foto e testo di Carlo Vergani

You might also like

REPORTAGE

Immanuel Casto: quando si può riflettere ridendo

Terza apparizione torinese per Immanuel Casto, che dopo due uscite all’Hiroshima Mon Amour, venerdì scorso è approdato al Cap 10100. Nel grande locale situato sulla sponda del Po, venerdì scorso

RECENSIONI

Al Vittoriale la standing ovation è tutta per LP

Dopo Roma (QUI il reportage), Cattolica, Lucca e Grugliasco (QUI il reportage), la mini tourn√®√® italiana di LP – all’anagrafe Laura Pergolizzi – √® approdata ieri sera nella splendida cornice

GALLERY

Fulmini e saette con la musica dei Royal Republic a Bologna

Dopo la scoppiettante data di ieri a Milano ecco salire sul palco del Zona Roveri di Bologna i Royal Republic. Il loro rock and roll made in Svezia è qui nel