Warning: imagejpeg(): gd-jpeg: JPEG library reports unrecoverable error: in /home/thefron7/public_html/wp-includes/class-wp-image-editor.php on line 402
Al Vittoriale di Gardone va in scena la farsa in tre atti e mezzo di Morgan

Al Vittoriale di Gardone va in scena la farsa in tre atti e mezzo di Morgan

Morgan è sicuramente un artista che fa discutere. O lo si ama o lo si odia. Al termine di Il libro di Morgan dal vivo, spettacolo ospitato sabato 4 luglio dall’arena del Vittoriale di Gardone Riviera, nell’ambito della rassegna Tener-a-mente, questa dicotomia si è assottigliata in favore dei contrari.

Il motivo? Lo show era in programma alle 21.30, ma fino alle 23, del Castoldi non si avevano notizie. Il pubblico, soffocato dall’afa e stremato dall’attesa ha iniziato a protestare. In molti se ne sono andati a casa, chiedendo il rimborso del biglietto. Altri, sono rimasti al loro posto, giusto per accogliere con sonori fischi la sua entrata in scena.
Lui, fingendosi affannato e pentito, ha iniziato a inondare la gente di parole, apparentemente senza senso. Una presa in giro, insomma, per sembrare simpatico ed accalappiare consensi, che in realtà hanno faticato ad arrivare.
Quando il pubblico si è ricomposto è iniziato uno show, di cui francamente abbiamo faticato a capirne il senso. Qualcuno ha sorriso ai suoi giochi di parole, ma crediamo più per circostanza, fingendo di capire dove l’artista voleva andare a parare.
Nel progetto di regia, curato dalla sorella Roberta, sarebbe dovuto essere una sorta di reading musicale del libro Io, l’amore, la musica, gli stronzi e Dio. Morgan doveva raccontare aneddoti di vita vissuta, in compagnia del fido musicista Megahertz e del “fagottista”, Marco Santoro.

In realtà la scaletta è stata stravolta. Dei cinque atti in cui era articolato lo spettacolo, ne sono arrivati soltanto tre e mezzo e per giunta farciti di monologhi autocelebrativi di nessuna rilevanza. Pochi sono stati i momenti davvero divertenti ed anche dal punto di vista musicale, sono state proposte alcune cover (Heroes di Bowie, These Are The Days Of Our Lives dei Queen), alcuni pezzi classici e poco altro. Insomma non si è visto il Morgan attore e nemmeno il Morgan musicista.

Al termine gli applausi sono stati davvero pochi. Già perché anche nello stupendo anfiteatro sono stati in pochi a resistere fino all’una, quando Marco Castoldi ha salutato e se n’è andato via. Solo giusto i fedelissimi hanno resistito, anche se da ieri sera hanno la stima incondizionata nei suoi confronti è seriamente in bilico.
Una serata da dimenticare ed un cambiamento di rotta da fare al più presto: il credito e la mediaticità dell’artista monzese (ingigantito dalla sua presenza ad X Factor) , ferme restando le cose, pensiamo finirà presto.

Testo e Immagini a cura di Vincenzo Nicolello

Previous I concerti della prossima settimana!
Next The Modfather Paul Weller all'Anfiteatro del Vittoriale

Editor review

Summary

Morgan si è esibito con oltre un'ora e mezza di ritardo al Festival Tener-a-mente di Gardone Riviera.

You might also like

GALLERY

Il furioso ritorno di Juliette & The Licks al Magnolia di Milano

Sette anni dopo la loro ultima apparizione Juliette & the Licks sono finalmente tornati in Italia per l’unica ed imperdibile data al Circolo Magnolia di Segrate (Milano), che si è tenuta ieri

GALLERY

Dall’indie al sold out, la profezia di Calcutta e del suo Mainstream si avvera anche a Roma

Milano, Torino, e Roma (2 date!) sold out, con conseguente ossessiva ricerca sui social del biglietto da vendere all’ultimo minuto. Tutto questo dopo un estenuante tour estivo che ha seriamente

GALLERY

La stella del brit-rock Steve Winwood al Pordenone Blues Festival

Dopo aver conquistato il Vittoriale di Gardone, Steve Winwood è approdato ieri sera con il suo nuovo tour al 26° Pordenone Blues Festival, presso il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone. La