La macchina del tempo in stile punk dei Me First and The Gimme Gimmes fa tappa a Cesena

La macchina del tempo in stile punk dei Me First and The Gimme Gimmes fa tappa a Cesena

La all¬†star¬†cover¬†band pi√Ļ famosa al mondo, al cui interno militano soggetti del calibro di Fat Mike dei NOFX e Joey Cape e Dave Raun dei¬†Lagwagon √® pronta ad affrontare un mini-tour italiano che li vedr√† suonare stasera a Cesena e domani a Trezzo sull’Adda.

Ad aprire il concerto, per decisione degli stessi Me First and The Gimme Gimmes, ci sono i  The Flatliners, punk band canadese che ha lo scopo ben preciso di scaldare il pubblico romagnolo riuscendoci in pieno.

Dalla classica formazione è assente Fat Mike (NOFX) che viene sostituito al basso da nientemeno che Jay Bentley (Bad Religion). Allo stesso modo Chris Shiflett (Foo Fighters/No use for a name) viene sostituito dal fratello Scott (Face To Face).

I Me First And The Gimme Gimmes, nei venti e passa anni di carriera, hanno dimostrato di potersi confrontare con qualsiasi genere e stile musicale, passando agilmente dalla motown al country, dal pop giapponese alla canzone napoletana, tutto rigorosamente in lingua originale.

Partono subito con il classico di George Gershewin Summertime, una delle loro cover meglio riuscite, che scalda subito il pubblico presente.

I numerosi stage diving mettono alla prova la sicurezza del locale romagnolo e i tecnici del suono della band di Joey Cape e di Spike Slawson.

Il loro look è in stile hawaiano ma allo stesso tempo rockabilly che incarna perfettamente lo stile della super band californiana.

Molti di questi brani la gente li ha conosciuti attraverso proprio queste versioni alternative, visto che personaggi come John Denver o Dolly Parton in Italia non sono molto famosi  rispetto ad artisiti internazionali come Stevie Wonder, Elton John o Paul Simon.

Il concerto √® stato piacevole come ogni show dei MF&GG’S che si rispetti ¬†con¬†il¬†cantante Spike Slawson¬†($wingin’ Utter$) che si √® divertito¬†a prendere in giro e provocare il pubblico¬†parlando un italiano quasi perfetto per tutta la durata dello show.

SETLIST:

Summertime
(George Gershwin cover)

Me and Julio Down by the Schoolyard
(Paul Simon cover)

Danny’s Song
(Loggins & Messina cover)

Leaving on a Jet Plane
(John Denver cover)

Who Put the Bomp (in the Bomp, Bomp, Bomp)
(Barry Mann cover)

Straight Up
(Paula Abdul cover)

Jolene
(Dolly Parton cover)

(Ghost) Riders in the Sky
(Stan Jones and his Death Valley Rangers cover)

I Will Survive
(Gloria Gaynor cover)

Sloop John B
([traditional] cover)

Nobody Does It Better
(Carly Simon cover)

Science Fiction/Double Feature
(Richard O’Brien cover)

Mandy
(Scott English cover)

I Believe I Can Fly
(R. Kelly cover)

isn’t she lovely

(Stevie Wonder cover)

All My Loving
(The Beatles cover)

Over the Rainbow
(Harold Arlen cover)

Encore:

Take Me Home, Country Roads
(John Denver cover)

Rocket Man (I Think It’s Going to Be a Long, Long Time)
(Elton John cover)

End of the Road
(Boyz II Men cover)

Un grazie a HUB Music Factory per l’invito.

Testo e foto di Carlo Vergani

Me First And Gimme Gimmes

Flatliners

 

 

 

You might also like

GALLERY

Grande festa rap al Carroponte con Guè Pequeno, ospiti Marracash e Fabri Fibra

E’ stata una grande festa a suon di rap quella di ieri sera al Carroponte, che ha visto Gu√® Pequeno chiudere in bellezza il suo Squalo Summer Tour. Questa tourn√®√®,

GALLERY

Elio e Le Storie Tese: il solito grande concerto al GruVillage

Continua con successo il Piccoli Energumeni Tour di Elio e Le Storie Tese a supporto di Figgatta De Blanc, ultimo disco della band milanese. Ieri (26 luglio), il tour è

RECENSIONI

Il sempreverde Neil Young combatte con il suo rock a favore della madre terra

Neil Young √® uno dei pi√Ļ influenti e controversi cantanti‚Äďautori della sua generazione, uno dei pochi veterani del rock con la carica e la vitalit√† di un giovane musicista. Dall‚Äôinizio