Il rock di Marilyn Manson riempie l’Alcatraz a Milano

Il rock di Marilyn Manson riempie l’Alcatraz a Milano

Il reverendo Manson torna a Milano mandando sold-out l’Alcatraz di Milano mesi prima del suo arrivo.
La coda all’apertura dei cancelli è lunghissima e ogni singolo spettatore si tiene ben stretto il suo biglietto, lasciando a bocca asciutta i bagarini. Non si vede l’ombra dei classici predicatori, un segno che il Reverendo ha smesso di far paura?

Ad aprire le date del tour europeo ci sono i Pop Evil, band americana che riesce subito a farsi accettare dal pubblico di Manson grazie alla loro energia e al loro forte rock di facile ascolto. Dopo essere passati a fianco dei 5 Fingher Death Punch, i Pop Evil attraversano l’Europa promuovendo la loro ultima fatica -UP-.
Le aspettative vengono rispettate e la band scarica tutta la sua energia su palco milanese, incantando il pubblico che li segue con attenzione.
Non fanno in tempo a scendere dal palco che la folla invoca a gran voce per l’arrivo di Marilyn Manson, e dopo una buona mezz’ora di cambio palco, i loro desideri vengo realizzati .

Marilyn Manson è carico e di buon umore (tanto che non getta tra la folla un obbiettivo di uno sbadato fotografo) e parte in quarta con Deep Six, Disposable Teens e mOBSCENE.
All’inizio dell show Manson sembra avere una buona voce, la batteria è impetuosa e sovrasta tutti gli altri suoni che si sistemeranno andando avanti con lo show.
La scaletta è ben impostata e tutti i brani ricevono grandi ovazioni indistintamente dal fatto che siano nuove o vecchie (eccezion fatta per Sweet Dream).
La scenografia è ridotta all’osso: giusto un telone con la faccia di Manson e 4 vetrate da chiesa, ma il tutto viene riempito grazie alle luci che creano la giusta atmosfera.
Sfortunatamente il momento è giunto e Marilyn Manson da metà concerto fatica a tenere la voce. The Dope Show e Lunchbox vengono fatte cantare in parte al pubblico e quando il reverendo canta, i suoni che si sentono sono indistinguibili.
Lo show comunque prosegue tra giochi di luci e i suoni ottimi e The Beautiful People è l’ultima canzone prima della pausa e sulle note di Coma White Manson saluta il pubblico e da il suo arrivederci a Firenze.

Marilyn Manson avrà fatto il suo tempo e perso credibilità agli occhi della società come anticristo, ma per i suoi devoti fan è una gioia rivederlo nonostante la pecca della voce.

Ecco la setlist del concerto:

Deep Six
Disposable Teens
mOBSCENE
No Reflection
Third Day of a Seven Day Binge
Sweet Dreams (Are Made of This)
Angel With the Scabbed Wings
Tourniquet
Rock Is Dead
The Dope Show
Lunchbox
Antichrist Superstar
The Beautiful People
Encore:
Coma White

Previous Saranno i JoyCut ad aprire le date italiane dei Chemical Brothers
Next Cocorosie: due concerti in Italia a fine mese

Editor review

Summary

Il Reverendo Marilyn Manson torna ad esibirsi in Italia, un Alcatraz tutto esaurito lo attende: le foto e la recensione.

You might also like

CONCERTI

Grande ritorno per i Toto: due concerti a Febbraio 2016

Torna in Italia una delle più apprezzate rock band di sempre, dopo le trionfali date estive del Luglio scorso. Stiamo parlando dei Toto, che annunciano due nuovi concerti per il

CONCERTI

Culture Club all’Hard Rock Live di Orlando

Istrionici Culture Club all’Hard Rock Live di Orlando Il 16 Agosto scorso si è svolto all’Hard Rock Live di Orlando, Florida, il concerto dei Culture Club. Con un tutto esaurito

CONCERTI

Sognanti atmosfere con Hevia al Palazzo Trecchi di Cremona

Meravigliosa serata al Palazzo Trecchi di Cremona, che ha ospitato Hevia per il terzo appuntamento del Festival AcqueDotte 2016. L’eclettico musicista asturiano, accompagnato dalla sua cornamusa elettronica, si è esibito in trio,