Immensi Marillion al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Immensi Marillion al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Ieri sera, 4 Ottobre 2017, nella stupenda cornice del Teatro degli Arcimboldi di Milano è andata in scena la seconda ed ultima data italia del nuovo tour mondiale dei Marillion, gruppo prog-rock attivo oramai sulla scena da quasi 40 anni.

L’occasione è quella di presentare dal vivo i brani dell’ultima fatica in studio FEAR (acronimo di Fuck Everyone And Run, diciottesima opera in studio e pubblicata nel settembre del 2016), unitamente ai grandi classici del loro repertorio.
Tra pochi giorni (il 6 Ottobre), inoltre, uscirà il nuovo live EP Living in The FEAR, in edizione limitata.

Dal vivo il suono dei Marillion ha potenza e raffinatezza, non rinnega il passato e si abbevera al presente per entrare nel futuro: tra i più credibili interpreti del rock contemporaneo, oltre i suoni progressivi dei loro primi album. 
Ma lo spettacolo della band capitanata di Steve Hogarth non è solo musica, ma anche luci ed atmosfere che creano una sorta di “universo Marillion” fuori dal tempo e dallo spazio.

Nel ringraziare Parole & Dintorni per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti a cura di Romano Nunziato:

Previous Zucchero: dal 3 Novembre la raccolta Wanted (The Best Collection)
Next Matthew Caws dei Nada Surf fa volare il pubblico ferrarese

You might also like

REPORTAGE

La star di The Voice US, Melanie Martinez al Fabrique di Milano

Melanie Martinez, social sensation e cantautrice self made, è approdata – per la prima volta – in Italia, per presentare al Fabrique di Milano il suo primo disco Cry Baby. La

GALLERY

Gli Shandon infiammano il Vidia di Cesena

Ci sono quei concerti nostalgici che ti fanno tornare alla mente tanti ricordi del passato e quello degli Shandon al Vidia di Cesena è stato uno di quelli. Della band

REPORTAGE

Tre sere di sold out al Blue Note per Billy Cobham

Riconosciuto come il più importante batterista jazz-fusion per la sua potenza e tecnica percussiva, Billy Cobham ha raggiunto l’apice della fama a metà degli anni Settanta divenendo uno dei batteristi