Sensualità e ritmo al Circolo Magnolia con Marianne Mirage

Sensualità e ritmo al Circolo Magnolia con Marianne Mirage

Belle ritmiche e sensualità ieri sera al Circolo Magnolia con la cantautrice 26enne forlivese Marianne Mirage, nome d’arte di Giovanna Gardelli, che ha una voce moderna e antica allo stesso tempo.

Sin da piccola si avvicina al mondo dell’arte scoprendo un’intensa passione per la musica: dal black al black soul, passando per le grandi voci del jazz internazionale come Billie Holiday e Sarah Vaughan, senza tralasciare la psichedelia e il grunge.  Un amore per l’arte ad ampio raggio che la porta a cantare e suonare la chitarra sin da giovane e, convinta che l’arte sia conoscenza e che la conoscenza nasca dal viaggio, Marianne trascorre la sua adolescenza on the road tra Londra, Parigi, Berlino e la Turchia, mentre studia letteratura, fotografia, musica e recitazione.

Nel 2012 consegue il diploma di recitazione al Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, dando così inizio ad una serie di impegni che la vedono ricoprire il ruolo di attrice. Nel 2014 Marianne Mirage pubblica il suo primo singolo, “Come Quando Fuori Piove” con Sugar, l’etichetta discografica di Caterina Caselli, e attira subito su di se l’attenzione dei media, tra cui Rolling Stone, che nello stesso anno l’ha voluta come performer per la festa della rivista all’Alcatraz di Milano. Successivamente si esibisce in occasione di aperture di artisti nazionali e internazionali tra cui Kiesza, Patty Pravo, Tiromancino, Raphael Gualazzi etc. Nel 2015 Microsoft la sceglie come artista per presentare il nuovo prodotto Surface, un’applicazione innovativa in cui Marianne suona la chitarra da un dispositivo tecnologico. Un’idea innovativa che colpisce le testate giornalistiche, tanto da volerla come performer alla festa di natale di Vanity Fair 2015. Anche il nuovo anno è iniziato con una serie di impegni per la giovane artista e a febbraio la vedremo su DeejayTV nel ruolo di attrice nella trasmissione “TADA’” con Filippo Timi, affiancata da artisti come Elio E Le Storie Tese, Marco Mengoni, Malika Ayane ed altri ancora.

Il 2016 è un anno importante per Marianne Mirage: il 25 marzo esce “Quelli Come Me”, il disco di debutto su etichetta Sugar. Prodotto da Max Elli e Jack Jaselli, registrato all’Auditoria Records di Como e mixato da Enrico La Falce, “Quelli Come Me” rappresenta l’esordio sulla lunga distanza di Marianne, un grande lavoro di creatività che l’artista dedica a tutti quelli che vedono e vivono la vita come lei. “Questo disco sono io”, dichiara infatti Marianne, “è una fotografia della mia essenza, delle mie idee e delle mie speranze”. In parte autobiografico, “Quelli Come Me” è un inno alle battaglie quotidiane, alle storie di vita e alla lotta per un’idea, una sopraffazione, per l’amore. “Ho imparato che se non lotti non ottieni nulla, e questo ha forgiato il mio carattere e i miei intenti artistici”.

Partendo da una chitarra classica le parole sono uscite spontanee come un flusso, a cui si sono aggiunte una batteria soul e un basso dai suoni groove. “È un disco sensuale, semplice e fatto con amore”, Marianne Mirage.

E presto la riascolteremo a Sanremo 2017 tra le nuove proposte…..in bocca al lupo Marianne…… potresti vincere!

In apertura serata Angela Kinczly

Ringraziamo International Music and Arts, Sugar Music e Circolo Magnolia per il graditissimo invito e vi lasciamo ad una selezione scatti della serata a cura di Stefanino Benni

Marianne Mirage:

Angela Kinczly

You might also like

REPORTAGE

The Who porta la generazione degli anni 60 nel nuovo Millennio

Era il 24 febbraio 1967 quando i The Who, all’interno del palazzetto dello sport di Piazza Azzarita, suonarono per la prima volta a Bologna. Di tempo ne è passato da quell’inverno,

REPORTAGE

Il Voce Tour di Arisa approda a Lugano

Arisa approda a Lugano dopo che il furto di alcuni materiali di scena aveva causato lo slittamento del suo Voce Tour 2017. Un fatto spiacevole, avvenuto in occasione della data

REPORTAGE

Al Mirano Summer Festival protagonista la musica degli Stadio

Perche’ gli Stadio non hanno bisogno di presentazioni… da anni ormai nel panorama musicale italiano continuano i loro tour ovunque, ed ovunque vadano la gente li segue. Ieri sera superospiti