Luoghi Comuni, largo alla battaglia sotto al cielo blu

Luoghi Comuni, largo alla battaglia sotto al cielo blu

Autori: Luoghi Comuni
Album: Blu
Etichetta: Phonarchia dischi
Ufficio Stampa: Sbam Ufficio Stampa

Non si può essere italiani e non ricordarsi di Rino Gaetano. Così, i Luoghi Comuni si ricordano del maestro e costruiscono sotto il cielo del cantautore calabrese la loro proposta. E Blu, concept album per chi non si arrende e chiama alle armi i suoi commilitoni. Una rivoluzioni di indipendent pop rock che viene da Grosseto con schitarrate acustiche e prese di posizione. Mescolano amori finiti ,e cambi di rotta interiori, a pressioni sociali esterne, per un cielo sempre meno blu, come nella titletrack cantata a vele spiegate sino al coro finale.
Dentro gli accordi dei Luoghi Comuni ci sono i Zen Circus e il oro appeal in cantato in italiano, mescolato con la passione dello Stato Sociale, per una sterzata dal loro precedente retrogusto per Jack White e il suo blues rock. Affilate le lame, dunque, senza fronzoli e con racconti che profumano di power pop rock, pronti a prendere quota sotto ombrelloni e festival estivi con l’acustica sotto braccio (Come il telegiornale su tutte).
I suoni beatlesiani sono da sfondo a Luoghi Comuni che sfidano la noia con un balzo alla Lombroso in Tra noi due, psichedelico e burrascoso pezzo che affronta la dura vita di un artista precario. La canzone come sfogo, che si fa anche lenta poesia in Tre Puntini. Telefoni rotti e linee di piano con assuefazione alla malinconia, per una traccia melodica e profondamente legata alla tradizione italiana. Ma la canzone migliore, a mio avviso, resta Vinavil. Una prima traccia, per un manifesto d’intenti tra identità sonore anni ’70 e ripartenze a colpi di pistola, fatte proprie da una canzone goduriosa e mai doma. Attacchi e riprese, con pop rock senza fronzoli e con zero ruggine.

Testo a cura di Andrea Alesse

Previous Droning Maud, l’onorificenza dell’errore
Next X Factor 11: Fedez, Manuel Agnelli, Mara Maionchi e Levante saranno i nuovi giudici

You might also like

RECENSIONI

Me And That Man, la recensione del nuovo Songs of love and death

Gli amanti del black metal ormai lo sanno, quando si parla di Nergal e dei suoi Behemoth, si parla sempre di capolavori. Dopo l’incredibile The Satanist, il leader della black

RECENSIONI

Ritrovarsi in Canzoni Perse, è Cesare Malfatti

Artista: Cesare Malfatti Album: Canzoni Perse Label: Riff Records Un giocatore esperto non ha bisogno di certezze ogni domenica. La sua capacità di rovesciare le partite non muta quando cambia

RECENSIONI

Yeti’s Cave dei Brücke, neo psych come piacevole scoperta

Autori: Brücke Album: Yeti,s’ Cave Press: Chains Press and Promotion “Yeti’s Cave” parla di un lungo periodo di reclusione, ricerca e crisi. E’ una crisi che nasce dal processo creativo,