L’Alcatraz in delirio accoglie l’incantevole LP

L’Alcatraz in delirio accoglie l’incantevole LP

Dopo Nonantola e Padova, il nuovo tour di LP – all’anagrafe Laura Pergolizzi – è approdato ieri sera all’Alcatraz di Milano dove la cantautrice newyorkese è stata accolta con grande calore. 

Complici i singoli Lost On You e Other People, che l’hanno fatta conoscere in Italia, diventando dei veri tormentoni radiofonici, che hanno messo in evidenza le sue doti canore. La scaletta proposta durante lo Smoke ‘Em If You Got ‘Em Tour si concentra sui brani dell’ultimo album Lost On You, ma contiene anche pezzi tratti dai tre precedenti album realizzati dal 2001 ad oggi.

Con questo concerto, si chiude la tranche italiana primaverile di LP, che tornerà nel nostro Paese la prossima estate per quattro nuovi concerti, in altrettante suggestive locations:
3 luglio Roma, Auditorium Parco della Musica – Luglio Suona Bene
4 luglio Cattolica (Rn), Arena della Regina 11 luglio Lucca, Piazza Napoleone – Lucca Summer Festival
25 luglio Grugliasco (To), Gruvillage
26 luglio Gardone Riviera (Bs), Anfiteatro Vittoriale – Tener-A-Mente Festival

Nel ringraziare la D’Alessandro e Galli per il gentile invito, vi lasciamo agli scatti della serata a cura di Romano Nunziato:

LP

Laura Ruth Ward (opening act)

Previous Buona la prima per Alessandro Mannarino!
Next Beth Ditto: ascolta il singolo solista Fire, in attesa di Fake Sugar

You might also like

REPORTAGE

Fulmini e saette con la musica dei Royal Republic a Bologna

Dopo la scoppiettante data di ieri a Milano ecco salire sul palco del Zona Roveri di Bologna i Royal Republic. Il loro rock and roll made in Svezia è qui nel

EVENTI

I Blues Brothers chiudono il TJF 2015 – Le foto

Il due giugno, dopo 6 giorni di eventi e concerti, si è concluso il Torino Jazz Festival 2015. Oltre 20 mila persone hanno presenziato nella nuova location di Piazza San

CONCERTI

La pioggia non perdona: Gregory Porter costretto a cancellare il concerto

Grande delusione e altrettanto rammarico per gli organizzatori di MonforInJazz. In occasione del 40° compleanno del festival erano riusciti ad inserire nel cartellone il cantante americano Gregory Porter, vecchio pupillo