Un altro venerdì notte al Linoleum, garanzia per scoprire nuovi talenti

Un altro venerdì notte al Linoleum, garanzia per scoprire nuovi talenti

Tornano i venerdì di Linoleum, e torna la voglia di conoscere e apprezzare nuove leve dell’alternative italiano. In attesa dell’evento monstre del prossimo 24 marzo al Rocket (e non nella solita accoglienza del Rock’n’Roll di Via Bruschetti), in cui suoneranno i pluripremiati Canova, la tappa pre weekend milanese ha offerto tre rappresentazioni del sound underground odierno, stretto sull’asse dell’elettronica rock e delle avventure sonore tra synth e beata giovinezza.

E si, perché il comune denominatore della serata, oltre alle prospettive underground degli artisti, è stata proprio la voglia giovanilistica di suonare e farsi notare, in un pubblico ormai rodato dalla curiosità e dalla voglia di apprezzare nuovi talenti emergenti.
La prima ad esibirsi è stata Sylvia, con la sua elettronica da camera e keyboard improntata sui nuovi pezzi. Autrice intima e dedita all’atmosfera alla Cocorosie, nasconde timidezza tra elettronica minimal e gusto per la melodia.
Tocca poi ai Wet Floor, band lombarda che gioca in casa e mostra i muscoli rock dichiarando di non volersi perdere tra il mix ingegnoso di generi e sfaccettature rumorose. Cantante con maglietta dei Ramones, che dice già molto al primo ingresso della band, e musica che sputa fuori la rabbia e la noia dei garage di provincia, mischiando crossover, distorsioni simil Ministri, unite anche al rock più elettrico.
Per l’occasione, tornano ad esibirsi con il gruppo che suona per ultimo: i Wicked Expectation. Torinesi, lanciano in orbita Folding Parasite, album secondo che dopo Visions ricorda la voglia di fare dello space rock dalle spaziature elettroniche e sognanti, in preda a dinamiche che attirano i presenti verso le i loro bei viaggi sonori. E se la chitarra passa spesso in secondo piano, largo ai sintetizzatori e alla forza bruta kraut, spesso violata da energia pop rock. L’attitudine live mostra spesso tanta preparazione, per un quartetto che plana sul Linoleum per dimostrare forza espressiva e voglia di migliorarsi.

Terminato un venerdì, spazio ad un’altra serata Linoleum. Venerdì 17 combattete la cabala con Fractae, Red Lines e le magnifiche peripezie algoritmiche sonore dei Frah Quintale.
Sempre dalle 22 al Rock’n’Roll, e sempre rigorosamente free entry!

Testo a cura di Andrea Alesse

You might also like

RECENSIONI

Deftones: recensione e fotografie dal Live Club di Trezzo!

È da più di un mese che l’unica data italiana dei Deftones è sold-out e finalmente il giorno di vedere la band californiana sul palco di Trezzo è arrivato. Grandi

RECENSIONI

Slipknot: il racconto e le foto del concerto di Padova

Per la gioia di tutti i maggots italiani ecco tornare dal vivo la band dei 7 (+2) mascherati dell’Iowa. Senza una band di supporto l’attesa si è fatta snervante fino alle

REPORTAGE

Lo spettacolo dei The Last Shadow Puppets fa impazzire il pubblico estense

The Last Shadow Puppets, la super band composta da Alex Turner, leader degli Arctic Monkeys, Miles Kane, cantautore di successo inglese, James Ford batterista dei Simian Mobile Disco e Zach