Lady Gaga: che spettacolo l’halftime show del SuperBowl LI

Lady Gaga: che spettacolo l’halftime show del SuperBowl LI

Nella notte si è svolta la sfida sportiva più attesa dell’anno: stiamo parlando del SuperBowl numero 51, che ha visto i New England Patriots avere la meglio sugli Atlanta Falcons. Oltre al match in sè, il SuperBowl è diventato un vero evento mediatico anche grazie all’halftime show, che ogni anno regala momenti indimenticabili alla musica mondiale.

Quest’anno il palco era di Lady Gaga che ha tenuto uno show davvero memorabile, tra i più belli degli ultimi anni. Una rivincita, se vogliamo così definirla, per la cantante di origini italiane.
L’artista ha aperto l’esibizione con la cover dei brani God Bless AmericaThis Land Is Your Land di Woody Guthrie, una canzone molto utilizzata durante le recenti proteste contro la nuova legge sull’immigrazione firmata dal governo Trump. Una chiara presa di posizione di Gaga nella faccenda. Miss Germanotta ha letteralmente volato sull’NRG Stadium di Houston, con l’ausilio di un’imbracatura, per poi posizionarsi al centro dello stadio.
L’esibizione, che non si è certo risparmiata con gli effetti speciali, è poi proseguita con alcuni classici dal repertorio della pop-star – da Poker Face a Bad Romance, passando per Just Dance e Born This Way, fino alla più recente One Million Reasons, suonata al pianoforte.

Ma ora, lasciamo spazio alle immagini:

Lady-Gagas-Super-Bowl-Halftime-Show-2017 di rehman-maher1

You might also like

NEWS

Dear Jack: il nuovo cantante è Leiner Riflessi

Non è un volto nuovo quello che sostituirà Alessio Bernabei nei Dear Jack. Dopo l’annuncio del suo abbandono del progetto lanciato dal talent show Amici, la giovane band ha finalmente

NEWS

Guns N’Roses: anche Bumblefoot dice addio

Sembra che i Guns n’Roses si stiano, nemmeno troppo lentamente, sfasciando: oggi perdono il secondo elemento in meno di un mese. Dopo l’addio di Dj Ashba, anche il chitarrista solista Bumblefoot

NEWS

Audioslave: il tributo a Chris Cornell durante un concerto

L’altra sera, durante il concerto dei Prophets Of Rage, alcuni dei membri che facevano parte della formazione degli Audioslave – per essere precisi Tom Morello, Brad Wilk e Tim Commerford